lunedì 29 agosto 2011

DAVID BROMBERG - Use Me

inserito 11/07/2011

David Bromberg
Use Me
[
Appleseed Recordings 2011
]



Ormai certi prodotti potremmo anche evitare di giudicarli, analizzarli, e scavare laddove non c'è proprio null'altro da scoprire se non ciò che appare evidente fin dalla copertina. Prendete una vecchia gloria della roots-music come David Bromberg, uno che da qualche tempo ha deciso di rimettersi in pista e prendersi gli onori ingiustamente negati in anni in cui ha dovuto fare il liutaio per sopravvivere, e prendete una serie di vecchi amici pronti ad offrirgli la loro devozione. Prendete una serie di cover o di nuovi brani prestati per l'occasione dai volenterosi compari, una produzione che si limita a far sentire ciò che il pubblico si aspetta da lui senza far scoprire nulla di nuovo, e il disco è fatto. Che Use Me sarebbe stato un album piacevole senza essere importante lo si sapeva già anche prima di ascoltarlo, che Bromberg sia una garanzia e non avrebbe mai accettato di pubblicare musica sciatta era scontato, così come anche il fatto che il frizzante e fantasioso mix di generi dei suoi golden years sarebbe stato un ricordo lontano era una giocata sicura che qualsiasi bookmaker avrebbe pagato pochissimo.

Per cui pare davvero inevitabile che per parlarne si debba scivolare nel mero elenco dei presenti, e allora forza, non sottraiamoci al nostro dovere: c'è un Levon Helm che ripassa due volte per ribadire classe e anzianità di servizio, un prevedibilissimo John Hiatt che offre l'inedito Ride Out A Ways, i Los Lobos che imitano loro stessi nel valzer-mex diThe Long Goodbye, c'è una Linda Ronstadt che addolcisce It's Just A Matter Of Time di Brook Benton, un Vince Gill che "nashvillizza" la sua Lookout Mountain Girl (ne è co-autore Guy Clark), un Keb Mo' che infanga di blues Diggin In The Deep Blue Sea, o un Tim O'Brien che riporta il nostro sulle consone strade del bluegrass di Blues Is Falling. Insomma non manca nulla, e allora continuiamo a fare il nostro dovere segnalando le nostre prime scelte (che magari non saranno le vostre), una You Don't Wanna Make Me Mad di e con Dr. John che tira il giusto, e una scoppiettante, funkeggiante, "littlefeattiana", percussiva ed isterica Old Neighborhood, in cui il maestro impartisce pure lezioni di chitarra elettrica ai redivivi Widespread Panic. Chiude una Use Me di Bill Whiters fatta con i Butcher Brothers, che serve a dare il titolo al disco e a ricordarci di quanto possa essere eclettico il buon Bromberg.

Non avendo null'altro da chiosare, chiudiamo consigliando il disco a chi già l'avrebbe comprato, e confermando agli altri che se il personaggio non è tra i vostri preferiti, con questo album continuerà a star fuori dal club dei vostri VIP. Una preghiera però ci viene: se proprio si vuole fare un tributo a Bromberg, dategli i soldi per rimettere in piedi una band spettacolare come quella che abbiamo sentito nei suoi gloriosi anni 70, magari continuerà a non sorprenderci più, ma a vederlo libero di esprimersi per i fatti suoi ci si divertirà infinitamente di più.
(Nicola Gervasini)

www.davidbromberg.net


Nessun commento:

NEIL YOUNG

Neil Young  Hitchhiker [Reprise records 2017] neilyoung.com  File Under: It was a dark and stormy night… di Nicola Gervasini (21/09/...