mercoledì 28 dicembre 2011

THE BEST OF 2011

Non si tratta di omologazione, solo di livellamento generale. E' una regola matematica: se fate la media tra 5 valori il risultato potrebbe essere molto lontano dalla mediana, più i valori in gioco aumentano, più la media sarà vicina al valore equidistante tra quello più basso e quello più alto. Insomma, per farla breve, escono tanti (troppi) dischi, e chiunque oggi è in grado di produrre qualcosa di decente anche nello sgabuzzino di casa, ergo nella top 50 la distanza tra il primo (Walkabouts) e il cinquantesimo (Tom Waits) non è certo abissale. Per cui largo anche alle simpatie, o meglio all'antipatia verso chi lavora ormai solo di mestiere (Waits, Ry Cooder, Paul Simon,Lucinda Williams, purtroppo ormai anche Joe Henry, Ryan Adams) e sa fornire ancora grandi canzoni ma non più grandi dischi, per cui eccoli presenti (la classe non si perde, il genio sì però), ma nelle zone basse. Menzione d'onore al vero disco dell'anno, LULU di Lou Reed con i Metallica, talmente cannato nel risultato da risultare geniale. Ha uno spessore che nessun'altro disco uscito negli anni 2000 può vantare, tanto da finire ad essere esagerato, prolisso fino alla nausea, con momenti meravigliosi e altri al limite del ridicolo, e non solo per colpa degli improbabili Metallica. Il suo voto è da zero a dieci, a seconda del tempo insomma. Per il resto, it's only rock and roll....

IL PODIO


1) WALKABOUTS Travels in the Dustland

The Dustlands http://www.youtube.com/watch?v=yl00IooVpsk&feature=related

Every River Will Burn http://www.youtube.com/watch?v=PmjHAfIW8XI&feature=related

Soul Thief http://www.youtube.com/watch?v=JUpxRQZlAfA&feature=related

2) ISRAEL NASH GRIPKA Barn Doors and Concrete Floors

Louisiana http://www.israelgripka.com/

(da ascoltare sul suo sito…ovvero come fare un banale pezzo plain e mainstream e uscirne alla grande)

Goodbye Ghost http://www.youtube.com/watch?v=UHxqO-FhbcI&feature=related


3) WILCO The Whole Love

Art Of Almost http://www.youtube.com/watch?v=uz6UrYvacQk

Born Alone http://www.youtube.com/watch?v=wTqEB0MyGdY


IN TOP 10

4) BILL CALLAHAN Apocalypse

America http://www.youtube.com/watch?v=dMQ0CeXYd54

5) OKKERVIL RIVER I Am Very Far

Rider http://www.youtube.com/watch?v=w7rZyaJ9CIw

6) WOODEN WAND Briarwood

Big Mouth USA http://www.youtube.com/watch?v=rrbzuio8VHY

7) SOCIAL DISTORTION Hard times and Nursery Rhymes

California http://www.youtube.com/watch?v=r9xvnIZmSSs

8) BLACK JOE LEWIS & THE HONEYBEARS Scandalous

You Been Lyin (purtroppo solo versione live) http://www.youtube.com/watch?v=7SwO6rpWy7w

9) JONATHAN WILSON Gentle Spirit

Desert Raven http://www.youtube.com/watch?v=V4PiINa5Im8

10) AMOS LEE – Mission Bell

Jesus http://www.youtube.com/watch?v=1sJaf5eViKk

Windows Are Rolled Down http://www.youtube.com/watch?v=F4xY__FoDzY



DISCHI CALDISSIMI

11) WATERBOYS An appointment with Mr. Yeats

Sweet Dancer http://www.youtube.com/watch?v=DYrIksirlLo

12) JOHN HIATT Dirty Jeans & Mudslide Hymns

Don't Wanna Leave You Now Ma manca video per cui seconda scelta per

Adios California http://www.youtube.com/watch?v=xBaTTB0o4oY&feature=related

13) DAWES Nothing is Wrong

Million Dollar Bill http://www.youtube.com/watch?v=Hf3co_Rz2hk

14) IRON & WINE Kiss Each Other Clean

Big Burned Hand http://www.youtube.com/watch?v=3OLrH75BpHU&feature=fvwrel

15) SEAN ROWE Magic

Jonathan http://www.youtube.com/watch?v=XFGWyVhnxR4

16) GRAYSON CAPPS The Lost Cause Ministrels

Lorraine’s Song http://www.youtube.com/watch?v=HDMg9PE_urU&feature=related

17) JESSE SYKES AND THE SWEET HEREAFTER Marble Son

You Own Kind http://www.youtube.com/watch?v=fQr89Rus9Hg&feature=relmfu

18) JOHN DOE Keeper

Don’t Forget How Much I Love You http://www.youtube.com/watch?v=s4CkqPeqvSw

19) ROBERT ELLIS Photographs

Photographs http://www.youtube.com/watch?v=klHlro2t3Wg

20) LAURA MARLING A Creature I Don't Know

Sophia http://www.youtube.com/watch?v=j-TMl5oCRjk



MERITEVOLI (21-50 ordine vago)

21) SARAH MACDOUGALL - The Greatest Ones Alive

Sometimes You Lose, Sometimes You Win http://www.youtube.com/watch?v=-I5QWGul4Kk

22) COWBOY JUNKIES Demons Vol 2

COWBOY JUNKIES The Nomad Series Vol. 3 - Sing In My Meadow

Flirted With You All My Life http://www.youtube.com/watch?v=3Y4V7sJY0M8

Continental Drift http://www.youtube.com/watch?v=jUtUR_4b_5E

23) CASS MCCOMBS – Humor Risk

The Same Thing http://www.youtube.com/watch?v=QUfLXvH4fN4&feature=player_embedded

24) DECEMBERISTS The King Is Dead

Rox In The Box http://www.youtube.com/watch?v=-Waz7PMZHeg

25) BOCEPHUS KING Willie Dixon, God Damn!

Cowboy Neal http://www.youtube.com/watch?v=nkfLk-nWS0E

26) BURLAP TO CASHMERE Burlap to Cashmere

The Other Country http://www.youtube.com/watch?v=xR-CZYDXLmM

27) JASON ISBELL & THE 400 UNIT Here We Rest

Go It Alone http://www.youtube.com/watch?v=x9iYAJ-wVKQ

28) THE BASEBALL PROJECT Volume 2: High and Inside

1976 http://www.youtube.com/watch?v=h4yLOelaW_M

29) DAVE STEWART The Blackbird Diaries

Gipsy Girl And Me http://www.youtube.com/watch?v=_Vfl4zOhWW0

Beast Called Fame http://www.youtube.com/watch?v=8Z3N9VC7aFs

One Way Ticket To The Moon http://www.youtube.com/watch?v=9rDqJv0XiDc

30) RYAN ADAMS Ashes & Fire

Dirty Rain http://www.youtube.com/watch?v=VJC9xOXM0Yk&feature=related

31) ANNA CALVI Anna Calvi

Blackout http://www.youtube.com/watch?v=lo267BTLnZk

32) DAVE ALVIN Eleven Eleven

Murietta’s Head http://www.youtube.com/watch?v=Yl7A6kDZcZs

33) JAYHAWKS Mockingbird Time

Tiny Arrows http://www.youtube.com/watch?v=p_pK3IrYQ6w

34) FEIST Metals

The Bad In Each Other http://www.youtube.com/watch?v=hnj8_aDBJT8&feature=results_main&playnext=1&list=PLB4AD7AC3F8CBE850

35) GARLAND JEFFREYS The King Of In Between

Coney Island Winter http://www.youtube.com/watch?v=d-Ur3wi97tk

36) MARIANNE FAITHFULL Horses and High Wheels

Love Song (by Elton John) http://www.youtube.com/watch?v=tUDFC_cGzZw

37) BLITZEN TRAPPER American Goldwing

Astronaut http://www.youtube.com/watch?v=jLgXtKG3hPE&feature=related

38) THE HORRIBLE CROWES Elsie

Ladykiller http://www.youtube.com/watch?v=fxZS17IE_n8

39) TOM RUSSELL Mesabi

Mesabi http://www.youtube.com/watch?v=7D6EocyCiZM

40) PJ HARVEY Let England Shake

The Last Living Rose http://www.youtube.com/watch?v=zh41ANc_tMc&feature=relmfu

41) ABIGAIL WASHBURN City of Refuge

Chains http://www.youtube.com/watch?v=z36tit5-On8

42) PAUL SIMON So Beautiful Or So What

So Beautiful Or So What http://www.youtube.com/watch?v=6t4luubKRFw&feature=related

43) GILLIAN WELCH The Harrow And The Harvest

The Way It Goes http://www.youtube.com/watch?v=AiS37_EULj8

44) RY COODER Pull Up Some Dust And Sit Down

Lord Tell Me Why http://www.youtube.com/watch?v=idF4ycTPS2U

45) DONALD & JEN MACNEILL w. LOWLANDS – Fathers & Sons

http://www.youtube.com/watch?v=RhEZIOy_G50

46) STEVE EARLE I'll Never Get Out Of This World Alive

Gulf Of Mexico http://www.youtube.com/watch?v=J5GG6FE0Qqs&feature=related

47) JOE HENRY Reverie

Odetta http://www.youtube.com/watch?v=9TMZ6pa76zc

48) JC BROOKE & THE UPTOWN SOUND – Want More

I am trying to break your heart http://www.youtube.com/watch?v=ZK6VILyHVDE

49) LUCINDA WILLIAMS Blessed

Seeing Black http://www.youtube.com/watch?v=xqMWXV5Dkog

50) TOM WAITS Bad As Me

Back In the Crowd http://www.youtube.com/watch?v=ZCbPkr9AEG4&feature=relmfu



Fuori Lista


Singoli da ricordare (video compreso)


KENNY WAYNE SHEPHERD Never Lookin Back

http://www.youtube.com/watch?v=EsSaObejUuo

THE CUBICAL Dirty Shame

http://www.youtube.com/watch?v=6Ik4avmcnzY

RAPHAEL SAADIQ Stone Rollin

http://www.youtube.com/watch?v=wHyalVRUXrA

BLACK KEYS - Lonely Boy

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=a_426RiwST8#t=0s




DISCHI ITALIANI ASCOLTATI E RIASCOLTATI

Impossibile ascoltare tutti, questi sono amici o no che hanno fatto prodotti che guardano i 50 dischi di cui sopra negli occhi...a loro i miei complimenti. I non citati non sono finiti nel mio lettore non per scelta ma per necessità...

CESARE CARUGI Here's To The Road

DAVIDE BUFFOLI Prices

GIULIA MILLANTA Dropping Down

MOJO FILTER – Mrs Love Revolution

VERILY SO – Verily So

RED WINE SERENADERS – D.O.C.

MATT WALDON – Amnesia



“NON MI ENTRANO”: 5 DISCHI CHE SONO PIACIUTI A TUTTI MA - SEPPUR BELLI - MI HANNO LASCIATO FREDDO

GIRLS Father, Son, Holy Ghost

FLEET FOXES Homelessness Blues

BON IVER Bon Iver

MIDDLE BROTHER Middle Brother

KURT VILE Smoke Rings for My Halo


3 DISCHI CHE SONO PIACIUTI SOLO A ME

(fuori concorso per devozione verso l’artista)

LOU REED & METALLICA – Lulu

ROBBIE ROBERTSON How To Become Clairvoyant

BRUCE COCKBURN Small Source of Comfort



3 GRANDI DELUSIONI


DRIVE BY TRUCKERS Go Go Boots

LOW ANTHEM Smart Flesh

FELICE BROTHERS Celebration, Florida


PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA “CAGATA DELL’ANNO”

1) SUPERHEAVY SuperHeavy

2) RYAN ADAMS - III/IV

3) BEN HARPER - Give Till It's Gone

4) MATTHEW RYAN - I Recall Standing As Though Nothing Could Fall


PREMIO SPECIALE “AVREI VOLUTO ESSERCI” - LIVE ALBUM DEL 2011

JJ GREY & MOFRO Brighter Days

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=1zkJtaCqZbU


CONCERTO DELL'ANNO DA RACCONTARE

- John Mellencamp - Vigevano - da raccontare soprattutto a quelli di Udine

lunedì 26 dicembre 2011

JIM BIANCO - Loudomouth




Jim Bianco
Loudmouth
(Jim Bianco 2011)




Capita che durante un happening estivo di vari musicisti tenutosi a Pusiano, tra nomi più o meno noti, ad un certo punto sia apparso un certo Jim Bianco, un ragazzone che ha catturato l'attenzione di tutti con un breve set acustico, tra pezzi originali e una Kiss di Prince in versione folk. Capita così di scoprire un artista indipendente newyorkese che ha appena pubblicato il suo terzo album, 34 minuti auto-prodotti che dimostrano un autore davvero particolare e una fantasia di soluzioni davvero invidiabile per un indipendente. Loudmouth è un piccolo gioiellino che sarebbe davvero un peccato perdersi, probabilmente il disco che Dirk Hamilton non è più capace di fare (e But I Still Want You è la ballata soul che aspettiamo invano da lui ormai da tanto tempo), semplicemente perché forse non si è degnato di ascoltare Paul Thorn (Home) o Jackie Greene (Talented), per sparare due nomi del decennio scorso che possono essere ritrovati in questi solchi. Quello che però è Jim Bianco al 100% è il vocione baritonale, apparentemente sgraziato, ma ben utilizzato sia nelle slow-song con tocco soul (frequente l'uso dei fiati) come Take You Home, Slaughter o Ok, I Suppose, sia nello splendido scioglilingua di Elevator Operator. Da tenere d'occhio.
(Nicola Gervasini)

www.jimbianco.com

giovedì 22 dicembre 2011

TOM WAITS - Bad As Me


Tom Waits

Bad As Me

(ANTI)


Ubriacone, simpatica canaglia, irriverente buffone o romantico storyteller: questo è il personaggio Tom Waits che tutti conosciamo e amiamo. E sono anni che lui recita questa parte con convinzione, fin da quando, agli inizi degli anni settanta, era un piccolo folksinger fallito che s’inventò la perfetta reincarnazione musicale dello sregolato moscone da bar alla Bukowski, prima come stiloso jazz-crooner da squallido pub, poi, a partire dagli anni 80, come genialoide creatore di arzigogolati e percussivi arrangiamenti brechtiani. Nel corso degli anni Tom si è calato talmente bene in questi panni da non riuscire più a dismetterli, come quegli attori che restano imprigionati a vita in un ruolo e sono destinati a fallire quando provano a mutare immagine (gli esempi sono tanti, dallo Schwarzenegger attore di commedie alla Meg Ryan versione sex-symbol), finendo per forza di cose a ripetere all’infinito le proprie mosse e sperando di venire a noia il più tardi possibile. Persino il mondo del cinema ha bussato spesso alla sua porta chiedendogli sempre e solo di essere Tom Waits, senza che nessuno abbia mai provato a vestirlo con abiti diversi. E visto che il genio è un dono che si possiede solo per brevi momenti della vita, oggi il nostro eroe appare come una simpatica macchietta impegnata in reiterate repliche di sé stesso più che la punta di diamante dell’avanguardia rock. Non è necessariamente un male, visto che Bad As Me (ANTI), il suo nuovo album, è probabilmente il suo titolo migliore da dieci anni a questa parte, e critica e fans gli hanno subito tributato l’immancabile scroscio di applausi. A voler essere pignoli, però, la sensazione che si prova ascoltandolo è quella di un performer che si sente costretto a dover rifare queste canzoni solo perché nessuno accetterebbe da lui qualcosa di diverso. Sarà per questo che il menu è davvero il solito, un affascinante mix di ballate romantiche e blues distorti, frullati attraverso il suo vocione rauco e la solita accolita di amici di bevute (Keith Richards, Marc Ribot, Charlie Musselwhite, David Hidalgo) che vengono a trovarlo per rifare le stesse battute di vent’anni fa. Che fanno ancora ridere, ma cominciano ad avere un pericoloso retrogusto da ritirata senile.
Nicola Gervasini

domenica 18 dicembre 2011

DEX ROMWEBER DUO - IS THAT YOU IN THE BLUE?


DEX ROMWEBER DUO
IS THAT YOU IN THE BLUE?
(Bloodshot, 2011)
***1/2

Potrebbe essere scambiato per uno dei nuovi artisti dediti all’antiquariato sonoro a cui siamo ormai abituati in questi ultimi anni (Pete Molinari, per dirne uno), ma a dispetto di un nome davvero poco conosciuto, Dexter Romweber strapazza accordi rockabilly fin dai primi anni 80 (con i Flat Duo Jets), figlio dunque del primo grande rivoluzionario rock and roll revival che generò nomi ben più noti come Stray Cats e Blasters. Da qualche anno Dexter ha ritrovato la possibilità di rilanciare la propria carriera grazie ad un contratto con la Bloodshot ed un nuovo sodalizio artistico con la sorella Sara, che nel frattempo aveva perso la pelle delle mani suonando i tamburi per i Let’s Active tra gli altri. Si potrebbe definirli una versione vintage dei White Stripes, vista la formazione a duo chitarra-batteria (e dietro al progetto c’è comunque lo zampino di Jack White), progenitori rigenerati dal revival per la musica anni cinquanta innescato dalle colonne sonore dei film di Quentin Tarantino (lo strumentale Gudjeff Girl sarebbe ideale per un sequel di Pulp Fiction), anche se Derek e Sara non sembrano tanto votati alla nostalgia, quanto ad una semplice constatazione: ok, le vie del rock saranno anche finite ormai, allora perché non ripartire per un nuovo giro visto che il primo ci è tanto piaciuto? Is That You In The Blue? è tutto qui quindi, serve a rispondere alla domanda “cosa produrrebbe un gruppo creativamente attivo se fossimo ancora negli anni 60?”. Rockabilly tribali come Jungle Drums forse, ballate malate alla Beasts Of Bourbon come Nowhere, pop-songs da passare a Nancy Sinatra alla prima occasione (The Death Of Me), beat inglese da Swingin’ London (I Wish You Would), ma potremmo tirare in ballo mille altri riferimenti (Homicide ad esempio sembra uno degli scherzi roots del duo Mojo Nixon-Skid Roper). Trovateci pure anche il Nick Cave quando gioca a fare il crooner (la title-track), le schitarrate di Duane Eddy o Link Wray (Climb Down), perfino la rauca irriverenza di Jon Spencer, il surf di Dick Dale e via discorrendo. Ciliegina sulla torta qualche divertissement percussivo con una versione da cantina del mega-classico Brazil di Ary Barroso, trasformato in una samba per ubriachi che Rio De Janeiro l’hanno vista solo in cartolina. Tutto già fatto, già detto, già sentito, già scritto. Allora perchè mai questo disco suona così moderno?
Nicola Gervasini

mercoledì 14 dicembre 2011

LEE MELLOR - Lose

inserito 02/12/2011

Lee Mellor
Lose
[Lee Mellor
2011
]



Ci era piaciuto Ghost Town Heart, il disco d'esordio di Lee Mellor uscito sul finire del 2007. Non uno di quei dischi che segnano una stagione, ma pur sempre un convincente saggio indipendente di buon songwriting e produzione di classicissimo cantautorato country-roots. Penna felice con le parole, ma senza particolare genio nella costruzione delle canzoni, Mellor si rifà finalmente vivo con questo Lose, album che conferma pregi ma soprattutto difetti del predecessore, in più con lo svantaggio di non poter avere il bonus "new kid in town" che garantisce più accondiscendenza nei voti verso gli esordi ben riusciti. Il video di Suzy Blue Eyes confonde non poco le idee sul reale contenuto del disco, visto che il nostro si presenta con un look che fa tanto Jeff Bridges in Crazy Heart (ma con molti anni e molte bottiglie in meno del protagonista del noto film di Scott Cooper ) e con un singolo che segue gli schemi della Nashville-country song senza uscire neanche per un attimo dal seminato.

Peccato, perché senza troppo sconvolgere gli steccati tra gli stili, Mellor anche in questo caso osa molto di più di questa semplice canzonetta country ligia e quadrata, come ad esempio lo splendido reggae-folk di Nevada The Cruel o la toccante novella di A Favorite Whore ("una storia di infatuazioni non reciproche senza speranza" la definisce lo stesso Mellor). E sta proprio in questa contraddizione il vero limite di Lose, quello di mostrare un autore dottissimo per senso letterario nel raccontare storie, che troppo spesso scade nello scolastico in fase di realizzazione e arrangiamenti, sia quando transita nel puro blue-collar da pub del venerdì sera (Texas Anarchist Radio), sia quando affronta una ballata di frontiera come Firebird che tanto ricorda molti simili episodi di Joe Ely.

Un numero che gli riesce bene al secondo tentativo con l'epica Refugees, duetto da brividi con la profonda voce diTrish Robb, così come piace il bluegrass ardito di Something's Gonna Change, ma troppo spesso il nostro piccolo amico canadese si accontenta di un tipico ritmo da scazzottata da taverna country (The Cyclone) o di una filastrocca basata su due accordi di mandolino (la comunque suggestiva Lose) che riesce solo ad evidenziare quanto le sue limitate doti vocali rappresentino un freno non indifferente nel momento in cui il brano tenta di crescere. Si finisce bene con il mezzo gospel di This Faithless Prayer, ma nel complesso quattro anni per assemblare brani che lui stesso ammette di aver scritto in gran parte molti anni fa nel corso della sua tormentata adolescenza paiono troppi per un risultato che stavolta lascia il segno solo in pochi episodi. Né promosso né bocciato dunque, solo rimandato al terzo disco per nuove conferme.
(Nicola Gervasini)

www.leemellor.com
www.cdbaby.com/cd/leemellor2



mercoledì 7 dicembre 2011

WALKABOUTS - Travels In The Dustland

inserito 01/11/2011

The Walkabouts
Travels in the Dustland
[
Glitterhouse
2011]



Starsene in Europa per sei anni si è rivelato molto utile per Chris Eckman, se non altro per dare vita ad una serie infinita di progetti e produzioni più o meno riuscite come i sorprendenti Dirtmusic o i più difficili L/O/N/G, senza dimenticare vari dischi a proprio nome (l'album The Last Side Of The Mountain del 2008 meriterebbe forse maggiore considerazione) e produzioni per Terry Lee Hale e Steve Wynn tra gli altri. Ma l'esilio nella lontana Slovenia è stato anche l'occasione di riappacificarsi con la madre patria e la sua storia politica, dopo che l'ultimo capitolo dei suoi amati Walkabouts (Acetyline del 2005) aveva lasciato tutti stupefatti per la cieca rabbia sfoderata nei confronti dell'amministrazione Bush Jr. e dell'american way of life. Pausa salutare dunque quella della band di Seattle, se è vero che il ritorno in studio con la fedele compagna Carla Torgerson ha dato vita a questoTravels in the Dustland, un album che recupera il sound roots-sinfonico di loro classici come Devil's Road o Nighttown, aggiornato con il nuovo gusto di orchestrare le canzoni che Chris ha imparato frequentando il mondo della musica classica d'avanguardia viennese.

Eckman stesso ci spiega che le terre polverose del titolo sono solo un non-luogo della mente, ispirato da quel Sahara che ha generato la musica dei Dirtmusic, ma in verità perso da qualche parte negli Stati Uniti, laddove i sogni disillusi e le speranze ormai tradite ritrovano la loro forza selvaggia e primordiale. Ha scoperto dunque che l'America non è il mondo, che esiste anche altro, e che quell'altrove è una terra che esiste solo dentro ognuno di noi e serve per non perdere la propria originale ragione d'essere nelle mille sconfitte che la società odierna ci infiligge. Travels in the Dustland è un quasi concept-album che racconta di questi viaggi immaginari nelle proprie aspirazioni, ed è un piccolo miracolo, dove le ardite costruzioni sonore di Eckman sono ben sostenute da una serie di straordinarie canzoni (l'accoppiata The Dustlands/Soul Thief basta da sola a giustificare il voto al disco), costruite attorno alla solita alternanza al microfono tra i due padroni di casa (ad Eckman sono affidate solitamente i brani più elettrici, mentre la voce profonda di Carla dona vita a momenti pregni di pathos come My Diviner, They Are Not Like Us o Thin of the Air).

I Walkabouts suonano compatti come una vera band, grazie anche ai non indifferenti apporti degli altri comprimari (Paul Austin alle chitarre, Glenn Slater alle tante tastiere e la sezione ritmica affidata a Michael Wells e Terri Moeller), anche se la differenza ormai la fa l'estrema intelligenza produttiva di Chris, uno che se potesse usufruire di mezzi e budget adeguati, potrebbe davvero essere considerato uno dei più grandi pensatori di musica del nostro tempo. E che stavolta ha davvero prodotto la summa di tutto il suo pensiero, un disco bellissimo sia che viva di un sound sporco ed elettrico (No Rhyme, No Reason) o di grandi crescendo orchestrali da melodramma (Wild Sky Revelry, forse lo zenith dell'album). Bentornati davvero.
(Nicola Gervasini)

www.glitterhouse.com
www.thewalkabouts.com


NICOLA GERVASINI NUOVO LIBRO...MUSICAL 80 UN NOIR A SUON DI MUSICA E FILM DEGLI ANNI 80 IN USCITA A MAGGIO 2017! SCOPRI TUTTO SU  https...