lunedì 11 giugno 2012

TOM JONES



 
 
 Tom Jones Spirit in the Room
[
Island/ Universal   2012
]
www.tomjones.com


 File Under: folk for old rockers 
di Nicola Gervasini (30/05/2012)

David Scarpe, vice presidente della Island, sognava una bella promozione nel 2009 quando mise sotto contratto Tom Jones, e probabilmente già si vedeva su una spiaggia a godersi le stock options mentre la radiolina mandava in onda la Sex Bomb del 2010, quando capì di aver preso una grande fregatura. La storia dice che non appena sentì i demo di Praise And Blame mandò una e-mail minatoria ai suoi uomini con un perentorio "fermate subito questo progetto o ridatemi i miei soldi, spero sia uno stupido scherzo". Invece Tom non scherzava affatto: Praise And Blame, una serie di azzeccate cover prodotte con gusto rootsy da Ethan Johns, è stato il suo disco più applaudito e solo sulla carta uno dei meno venduti della sua carriera, visto che l'onda lunga dei complimenti lo ha portato faticosamente ad una certificazione come disco d'oro.

E se allora quel disco fu poi dirottato su un etichetta di nicchia come la Lost Highway, è significativo che oggi la Island abbia deciso di riprendersi la distribuzione di Spirit in The Room, secondo capitolo della nuova saga di questo simpatico gallese di 72 anni. Al quale vanno i complimenti non solo per il coraggio della scelta, ma anche per l'immensa classe con cui la sta portando avanti. Perché Spirit in The Room è ancora meglio del suo predecessore, ha una vena gospel in meno, ma vira più verso un folk alla American Recordings di Cash o alla Neil Diamond sotto cura Rick Rubin, senza però eccedere in forzata essenzialità. Al contrario presenta una serie di accurati e per nulla semplici arrangiamenti (basta anche solo il piano alla Nick Cave di All Blues Hail Mary di Joe Henry come esempio) che confermano Ethan Johns come uno dei produttori sicuramente più validi sulla scena. Più interessante anche la scelta del repertorio, che volge sì verso i soliti noti, ma esaltandone il songbook più recente. Così vengono passate in rassegna la nuovissima Bad As Me di Tom Waits, una Love And Blessings dell'ultimo (abbastanza ignorato) Paul Simon, un Paul McCartney del 2009 (I Want To Come Home), e, se decidete di comprarvi la deluxe edition, eccovi servito anche un Dylan degli anni 2000 con When The Deal Goes Down.

Spazio ridotto quindi per i classici (una Tower Of Song di Cohen da brividi e una Dimming of The Day di Richard Thompson comunque convincente), solo una strizzatina d'occhio alle nuove generazioni (una Charlie Darwin dei Low Anthem decisamente azzeccata) e per il resto standard iper-noti come Soul Of A Man di Blind Willie Johnson o recuperi del primo folk femminile con Hit or Miss di Odetta e Traveling Shoes di Vera Hall Ward. Non c'è una nota fuori posto o una interpretazione che non sia meno che sentita, il limite di base resta ovviamente quello di qualsiasi cover-record, ma trattandosi di un vocalist e non di un autore, il discorso qui viene meno. Il futuro del rock - se mai ne esiste uno - di certo non passa di qui, ma intanto questo Tom Jones in stato di grazia rende il presente decisamente più sopportabile.

Nessun commento:

WILLIAM THE CONQUEROR

William the Conqueror Proud Disturber Of The Peace [ Loose Music / Goodfellas  2017] williamtheconqueror.net   File Under:   The many ...