mercoledì 27 giugno 2012

LIGHTSHIPS


 
 
 LightshipsElectric Cables
[
Domino 
2012]
lightships.tumblr.com


 File Under: slow-core, indie-folk

di Nicola Gervasini (11/05/2012)
La prima cosa che salta in mente ascoltando Electric Cables dei (o "di") Lightships è che solo quindici anni fa un disco del genere non sarebbe stato possibile. Prendiamo ad esempio i Teenage Funclub, band storica dell'alternative rock britannico (scozzesi, per la precisione), piccolo fenomeno di culto degli anni 90, ma anche costante presenza nelle billboards inglesi fino ai giorni nostri, nonostante i numeri delle loro vendite non abbiano mai raggiunto vette in grado di far parlare di loro anche negli ambienti più mainstream. La loro formula a base di power-pop alla Big Star e quel tocco proto-indie tipico dei primi 90 di certo non avrebbe mai invogliato nessun manager discografico a incoraggiare progetti solisti dei membri, e così magari il bassista Gerard Love nell'era dello strapotere delle major si sarebbe sentito ridere in faccia presentando un suo progetto personale. 

Ma i tempi sono evidentemente cambiati, e in quest'epoca del "tutto possibile per tutti" eccolo uscire con un nickname da giovane indie-songwriter e un disco a suo modo sorprendente. Non tanto per la formula, che rispetta un tòpos consolidato del rock che vuole i progetti solisti sondare spesso strade cantautoriali e intimiste, lontane dalla veemenza tipica della rock-band, quanto per l'attenzione che sta riuscendo ad attirare con un disco che in fondo suona in ritardo perlomeno di dieci anni. Per l'operazione Love ha messo in piedi una band con vecchi amici (insieme a Dave McGowan, si rivede Brendan O'Hare, primo batterista dei Teenage Funclub) e nuovi compagni di viaggio (il flautista Tom Crossley e il bassista dei Belle & Sebastian Bob Kildea). E Belle & Sebastian o ancor più gli Slowdive di Neal Halstead sono proprio i riferimenti più immediati per queste dieci ballate senza spigolature, giocate sempre molto tra il dialogo voce-flauto e sempre attente a non oltrepassare mai la soglia del sussurro. 

Lascia un po' freddi ad esempio la confusa partenza di Two Lines, ma centrano il bersaglio subito dopo ballate comeMuddy Rivers e l'ottima Sweetness In Her Spark (guardacaso scelta come singolo), ma subito dopo arriva ad esempio un piccolo pasticcio di troppi suoni come Silver And Gold a rompere non poco il buon ritmo preso dal disco. E qui si apre il vero dibattito, perché alla fine Electric Cables è un disco discreto al quale però manca sempre qualcosa per diventare un'opera importante, condizione magari comune alle miriadi di "uscite dal gruppo" della storia, ma che forse in questo caso poteva anche essere evitato con qualche sforzo in più. E qui si giunge alla mancanza di quel contributo (o semplice spinta) che le cattive e spietate case discografiche spesso riuscivano a dare un tempo a questo tipo di operazione. O forse davvero Love non aveva nessun interesse a spingersi oltre, e allora si prenda questo disco per quello che è, un dolce passatempo buono per una stagione. 

Nessun commento:

NEIL YOUNG

Neil Young  Hitchhiker [Reprise records 2017] neilyoung.com  File Under: It was a dark and stormy night… di Nicola Gervasini (21/09/...