giovedì 30 novembre 2017

WILLIAM THE CONQUEROR

William the Conqueror
Proud Disturber Of The Peace


[Loose Music / Goodfellas 2017]
williamtheconqueror.net


 File Under: The many faces of Americana

di Nicola Gervasini (26/10/2017)
Per la storia William The Conqueror era Guglielmo il Bastardo, ufficialmente poi Re Guglielmo I re D'Inghilterra nel 1066, primo capostipite di una dinastia, quella dei Normanni, che impera ancora oggi nel Regno Unito. Nome impegnativo quindi da dare ad una band, ma Ruarri Joseph, hipster di Edinburgo, non teme confusioni storiche dal momento che, dopo quattro album da solisti, ha deciso di fondare un trio. Quando esordì nel 2007 (l'album era Tales of Grime and Grit) a sorreggerlo c'era una major come l'Atlantic, dove evidentemente qualche buon marketing manager aveva deciso che i folksinger solitari e barbuti qualcosa ancora riuscivano a vendere tra le ceneri di un mercato discografico sempre più ingovernabile, ma già dal secondo capitolo Both Sides of The Coin per Joseph iniziò la vita delle etichette indipendenti e dell'auto-promozione.

Per capire da quale tradizione venga il suo stile, basta solo dire che nel terzo album (Shoulder to the Wheel del 2010) compariva una cover di Sixto Rodriguez. Proud Disturber of The Peace (bel titolo…) potrebbe essere considerato quindi il suo quinto album, visto che i due partner nell'avventura (Harry Harding e Naomi Holmes), si limitano dare corpo alle sue bizzarre canzoni. Il risultato sa comunque molto più da band che i suoi dischi precedenti, con uno stile che abbraccia tutto quanto di americano si possa rastrellare nella tradizione folk, con quel tocco di follia cantautorale british alla Robyn Hitchcock che non stona. Dopo la sventagliata di acustiche di In My Dreams, è il bel singolo Tend To The Thorns che trova una nuova via di riconciliazione tra l'indie-folk anni 2000 e certo cantautorato post-grunge alla Jeff Buckley e Elliott Smith. Did You Wrong è un numero più classicamente roots-rock, con chitarre elettriche in evidenza (sempre in tema anni 90 torna quasi in mente il purtroppo dimenticato Pete Droge), mentre nell'ottima Pedestals salta fuori il John Mellecamp più folk che è in lui.

Il livello compositivo è alto, anche nei testi, che hanno quel tono introspettivo classico del genere ma con una buona dose d'ironia ad evitare deragliamenti nell'epicità eccessiva di certo immaginario americano. Sunny Is The Style è la ballatona che Ray LaMontagne non riesce a (o non ha più voglia di…) scrivere, e chiude una ipotetica facciata A (la scaletta del cd divide lato a e lato B come un vecchio vinile) per riaprire le danze con la magnifica The Many Faces of A Gold Truth, sorta di funky metropolitano con chitarre e fiati in evidenza che ricorda certi momenti dediti al soul di Jesse Winchester, come anche il folk corale della title-track. Cold Ontario fa sfoggio di un bell'incrocio di cori e piano da barrelhouse, mentre Mind Keep Changing è addirittura un blues vecchia maniera con un gran tiro e crescendo finale. Si chiude con l'acustica e "neilyounghiana" Manawatu un disco davvero sorprendente, non certo per originalità, quanto per freschezza. Scopritelo.

Nessun commento:

GUY LITTELL

Guy Littell  One of Those Fine Days [AR Recordings 2017] guylittell.wordpress.com  File Under: Neil Young si è fermato ad Eboli di...