lunedì 4 luglio 2011

OKKERVIL RIVER - I Am Very Far






Che il sesto album degli Okkervil River sarebbe stato quello di una nuova svolta per il gruppo era nell'aria già da tempo. Contando che The Stand Ins era un disco nato insieme al precedente The Stage Names, era dal 2007 che Will Sheff e compari non entravano in uno studio di registrazione (a parte il bellissimo disco con Rory Erickson), e le dichiarazioni dell'ormai incontrastato leader del gruppo (all'indomani del definitivo abbandono di Jonathan Meiburg, comunque presente in queste sessions) erano tutte volte a preparare il terreno a qualcosa di inedito e rivoluzionario. Abbiamo scaramanticamente stretto un po' i denti, gli occhi e forse anche qualcos'altro prima di ascoltare I Am Very Far e abbiamo invocato gli dei perché non ci facessero recitare l'epitaffio anticipato per una delle band che più abbiamo amato e sostenuto negli anni 2000, ma alla fine le nostre preghiere sono state ben ripagate.

Sconvolgetevi pure per il fatto che il singolo Piratess è un brano più vicino alla lounge-music anni 80 che al loro freak-folk trasversale (wurlitzer, batteria elettronica, basso in evidenza…), che l'iniziale The Valley si basa su un pesantissimo big-drum-sound anni 80 che farebbe invidia al Max Weinberg di Born In The Usa (con l'unica differenza che in questo caso l'effetto è ottenuto facendo suonare la batteria del nuovo arrivato Cully Symington in sovraesposizione ad una seconda suonata dallo stesso Sheff). E basta anche leggere l'ultima frase per trovare subito qual è il denominatore comune tra queste canzoni: gli anni 80, che tornano prepotentemente sottoforma di un rinnovato (e ovviamente più saggio) utilizzo delle tecnologie, di sampler, esperimenti con nastri riavvolti e svariati tipi di tastiere, e di grandi produzioni mai troppo scarne (vi diamo un paio di dati per rendere il concetto: per realizzare l'album sono stati utilizzati 31 musicisti, per un totale di circa 35 strumenti diversi tra vari tipi di tastiera, archi, chitarre e diavolerie elettroniche). I Am Very Far nasce dunque come prodotto di un lungo percorso creativo in studio di registrazione, ma senza l'assillo delle vendite che regnava negli eighties, senza l'idea che la musica debba essere adattabile ad un immagine, senza soprattutto produttori imposti dalle case discografiche e con gusti lontani da quelli della band.

Se l'album non fallisce l'obiettivo come è accaduto al recente Celebration, Florida dei Felice Brothers è semplicemente perché Will Sheff sembra davvero non aver mai perso di vista il fine di tutto: scrivere grandi canzoni. E così godiamoci brani che in verità non sono per nulla così lontani dagli Okkervil River che furono, come ad esempio White Shadow Waltz, un pezzo che 6 anni fa la band avrebbe registrato nello stile dark-folk di Black Sheep Boy, e che invece oggi presenta in un tripudio di batterie tuonanti, archi maestosi, cori unisoni e tastiere martellanti. Godiamoci Rider, puro roots-rock mainstream, oppure il tema da colonna sonora di Mermaid, il folk-pop leggero di Lay Of The Last Survivor, il crescendo di Your Life Past As A Blast, la marcia pop di Wake And Be Fine. Difetti? Sheff stesso ammette di non aver ancora capito bene quale sia il risultato ottenuto, e forse nell'essere ancora un oggetto indefinito e indefinibile sta tutto il limite di I Am Very Far, che non sarà mai il primo disco degli Okkervil River che consiglieremo ai neofiti, ma che ha già raggiunto l'incredibile risultato di evitare che qualcuno un domani possa dire "Ah, gli Okkervil River, mi sono piaciuti fino a The Stand Ins, poi quando hanno cambiato stile non li ho più seguiti…".
(Nicola Gervasini)

www.okkervilriver.com


2 commenti:

ANGELO CICCARELLA ha detto...

Cari amici, le vostre recensioni sono belle, sì, semplicemente. C'è quell'amore per la musica, la poesia dei testi, che vanno oltre gli interessi di bottega, la tendenza delle radio nostrane serve delle majors, ecc. Seguo Bottazzi da un po' di tempo, e per uno come me che negli anni settanta ascoltava Loggin&Messina, Grateful Dead, J.Browne, B.Cockburn, oltre al rock made in UK; dicevo per un nostalgico come me leggere di musica come sul vs blog, è una pacchia. Ho un problema, però. Reperire gli albums da voi recensiti. Di solito uso Amazon, ma non vi trovo spesso quello che mi interessa e che consigliate. Potreste darmi qualche dritta, negozio on line o proprio rivenditore specializzato?
Grazie per quanto fate.
Angelo Ciccarella
53enne on the road (col cuore, almeno)

Nicola Gervasini ha detto...

Ciao Angelo, purtroppo il tuo messaggio era finito in spam e lo vedo solo oggi. Grazie mille innanzitutto.

se non trovi in amazon prova anche Play
http://www.play.com/
che ha ottimi prezzi
invece le cose più indipendenti spesso sono su CD Baby
http://www.cdbaby.com/
il consiglio nel caso dei piccoli nomi è sempre di rivolgersi al loro sito

NICOLA GERVASINI NUOVO LIBRO...MUSICAL 80 UN NOIR A SUON DI MUSICA E FILM DEGLI ANNI 80 IN USCITA A MAGGIO 2017! SCOPRI TUTTO SU  https...