sabato 24 novembre 2012

RUPERT STROUD


 Rupert Stroud Chasing the Night
[Rupert Stroud 2012
]
www.rupertstroudmusic.com


 File Under: self made indie-rock

di Nicola Gervasini (12/11/2012)
Ricordo che un tempo (tante ere discografiche fa) per un artista parlare dei colleghi era tabù. L'idea che la propria arte fosse indipendente da qualsiasi modello era sacra, così come il concetto che trovare riferimenti fosse un esercizio fine a se stesso riservato ai critici rock. Al massimo, proprio quando l'artista era in vena di confidenze, si arrivava a dichiarare qualche lontana influenza, normalmente un nome degli anni quaranta che nessuno aveva ancora indicato, giusto per spiazzare ulteriormente coloro che scrivevano di musica solo perché incapaci di crearne una propria (grazie ancora Zappa per l'illuminante scoperta…). Things have changed ha giustamente notato Dylan un decennio fa rispondendo a se stesso, e così capita che il sito di Rupert Stroud (Chi? Lo vediamo dopo, calma…) abbia la sezione Influences messa più in evidenza di quella della propria musica (relegata ad un linkino in alto, manco fosse solo il forum).

Ammassati su un ipotetico tavolo ritroviamo copertine di classici per nulla oscuri, divisi in tre significative sezioni: quello che ascoltava lui (Red Hot Chili Peppers, Nirvana, Radiohead, pure i Simply Red), quello che ascoltavano i suoi genitori (da Elvis ai Police passando per tutto quello che dovrebbe avere in casa qualsiasi buon papà-rocker) e quello che ascolta lui oggi (David Gray, Ray Lamontagne, Damien Rice, e qui cominciate a capire dove si andrà a parare). Dalla sua Bio (un delizioso libro con disegni che pare il Diario di una Schiappa) apprendiamo intanto che Chasing The Night è il suo secondo album, che scrive, suona, canta tutto lui tranne la batteria affidata a Mick Bedford e qualche aiutino del produttore Will Jackson, che aveva pronte ben 25 canzoni per tirare fuori queste 13, che vuole crearsi una solida base di fan tramite facebook, twitter (ecc…) che gli permetta di cantare e suonare per tutta la vita.

Fin qui al posto di Rupert Stroud avremmo potuto mettere almeno un milione di giovani songwriter indipendenti che si accontentano di una nicchia di un migliaio di seguaci, lasciando che la storia appartenga ad altri, in sezione apposita naturalmente. Nessuno scandalo che ciò accada nel 2012, a noi il compito di segnalarvene uno tra i tanti di tanto in tanto, forse perché in Chasing The Night ci sono abbastanza idee e buone canzoni da giustificare un giro dalle sue parti tra un nuovo imprescindibile lavoro di Dylan e un disco storico dei Nirvana. Ad esempio la title track e No Love Lost, non a caso scelte per commentare i due video ufficiali confezionati per favorire la self-promotion. Il resto viaggia tra il medio e l'interessante, che per una produzione semi-casalinga già non è poco, con qualche lungaggine (Sunday Night Blues dovrebbe suonare mefistofelica ma finisce per essere solo faticosa) e momenti ispirati (Take Your Time).



Nessun commento:

NEIL YOUNG

Neil Young  Hitchhiker [Reprise records 2017] neilyoung.com  File Under: It was a dark and stormy night… di Nicola Gervasini (21/09/...