martedì 6 novembre 2012

BILL FAY - Life is People


 Bill Fay Life is People
[
Dead Oceans 
2012]
www.deadoceans.com

 File Under: lost gems from the Golden Age of Rock and Roll 

di Nicola Gervasini (01/10/2012)
In certi casi bisogna fare molta attenzione prima di spellarsi le mani in sonori applausi. L'esaltazione collettiva obbligata è una malattia che attanaglia la letteratura rock da più di dieci anni, più o meno da quando in mancanza di una grande storia da raccontare si scivola spesso nella tentazione di crearsene qualcuna ad hoc. Un metodo ad esempio è stato quello di scandagliare il grande mare di artisti minori di quarant'anni fa, una lunga lista di one-chance-artists (ad esempio Paul Pena o Rodriguez) che le crudeli leggi del mercato avevano condannato all'oblio dopo uno o due titoli. Storie oggi inimmaginabili in una scena rock dove chiunque pubblica quello che vuole, dove vuole e quando vuole, e dove magari anche un giovane Bill Fay a questo punto avrebbe già prodotto una decina di album a spron battuto. Invece il povero Bill nel 1967 era un giovane autore che la Decca mise sotto contratto senza troppo pensarci, salvo poi scoprire di non saper bene cosa farsene. Ebbe la sua occasione con il disco d'esordio nel 1970 e un secondo tiro pubblicato solo per necessità contrattuali nel 1971 (persin più bello del primo e sibillinamente intitolato Time of the Last Persecution), e poi il dimenticatoio.

Due album che non avrebbero comunque mai cambiato le sorti di un rock che allora viaggiava troppo veloce per attendere la maturazione di un ragazzotto dalla voce sgraziata, ma ugualmente consigliatissimi anche oggi. Il mondo li ha scoperti nel 2005, quando Uncut osannò le ristampe in cd presentandoli come "l'anello mancante tra Nick Drake, Ray Davies e Bob Dylan". Il rischio che il nuovo mondo indie-rock si fosse innamorato più della barba decisamente fashion sfoggiata nella copertina del secondo capitolo che di quelle incerte ma toccanti canzoni era alto, ma in verità la riscoperta è stata opportuna e doverosa. La paura però era che l'insistenza di Jeff Tweedy perché l'arrugginito Bill tornasse in studio fosse più un atto di devozione che una vera necessità, visto che il materiale inedito inevitabilmente pubblicato nel frattempo non aveva dato l'idea che poi ci potesse essere molto di più. Invece sarà che Life Is People nasce ben pensato e confezionato nella veste sonora pensata da Joshua Henry, ma alla fine questo ritorno convince decisamente di più di altre analoghe riesumazioni sentite in questi anni (Vashti Bunyan o Gary Higgins ad esempio). Niente di speciale in verità: solo un uomo che sorprendentemente dimostra un gran mestiere e una capacità di rendere meravigliosa un voce secca e poco espressiva, quasi che avesse passato gli ultimi decenni a calcare le scene e non occupato in chissà quale lavoro per campare.

Tweedy viene a trovarlo e gli lascia in eredità una Jesus, etc, che lui stravolge al piano e rende pienamente sua come solo le grandi personalità sanno fare. Ma sono le sue composizioni a colpire, profondamente tragiche (There Is A Valley The Healing Day), ma anche piene di una gran serenità (la maestosa Cosmic Concerto), quasi a voler dirci che poi l'assenza dal music-business è vissuta come una condanna più da noi fans che da lui che l'ha subita con gran compostezza. Brani straordinari come This World ricordano molto la collaborazione tra Roky Erickson e gli Okkervil River, mentre le intricate orchestrazioni di City Of Dreams testimoniano la gran modernità della sua musica. Non tutto è perfetto (la faticosa Big Painter, posta in seconda posizione, rompe subito un po' la tensione ad esempio), e soprattutto spesso non si va poi molto oltre la registrazione casalinga fatta con vecchi amici (il chitarrista Ray Russell e il batterista Alan Rushton erano con lui anche nel 1971), se non fosse per quella strana bonus track (Home Was The Place) che lo vede perfettamente a suo agio in un sofisticato arrangiamento quasi da lounge-music che potrebbe anche far intravedere un diverso sviluppo della sua carriera. Che a questo punto ci auguriamo davvero possa ripartire da qui con più regolarità.


Nessun commento:

NEIL YOUNG

Neil Young  Hitchhiker [Reprise records 2017] neilyoung.com  File Under: It was a dark and stormy night… di Nicola Gervasini (21/09/...