domenica 10 novembre 2013

DAVID BROMBERG BAND

 
 David Bromberg BandOnly Slightly Mad 
[Appleseed/ IRD 
2013]
www.davidbromberg.net


 File Under: "We're Gettin the Band Back Together" 

di Nicola Gervasini (29/10/2013)
C'è stato un tempo in cui David Bromberg, session-man di lusso della sei corde roots in tutte le sue declinazioni (chitarra, dobro, mandolino, ne sa qualcosa chi ha comprato l'ultimo volume delle bootleg series di Dylan), diede vita ad un colorato e divertente carrozzone rock che contribuì a scaldare palchi e gli stereo degli anni Settanta. In circa dieci anni di attività la David Bromberg Band produsse una serie di dischi spesso dimenticati nelle classifiche di quelli fondamentali per l'epoca, vuoi perché vendettero comunque poco (a parte forse Midnight On The Water del 1975), vuoi perché erano collezioni di canzoni talmente eterogenee e stilisticamente schizofreniche che non riuscivano ad accontentare nessuno. Titoli come Wanted Dead Or Alive o il doppio How Late'll Ya Play 'Til? restano invece obbligati per una qualsiasi collezione rock base, ma non avevano il rigore di un Ry Cooder, la perfezione dei Little Feat, e soprattutto Bromberg pensava più spesso a sviluppare spettacolo tramite l'arma dell'ironia, dimenticandosi magari di concentrarsi sulla scrittura.

Only Slightly Mad è il primo album della David Bromberg Band dai tempi dell'ignorato commiato di You Should See the Rest of the Band del 1980, ed è un chiaro tentativo di recuperare lo spirito del tempo che fu. Bromberg è stato lontano dalle scene per più di un ventennio, e anche il suo ritorno alla ribalta è stato fatto con il consueto tono timido e dimesso che lo contraddistingue, prima con una interessante raccolta di brani acustici (Try Me One More Time del 2007), poi con un interlocutorio e non del tutto riuscito album full-band (Use Me del 2011). Ma in questo caso il recupero del carattere giocoso e a volte caricaturale della sua musica ha finalmente prodotto i risultati giusti. La partenza di Only Slightly Mad è fulminante: Nobody's Fault but Mine di Blind Willie Johnson sarà pure un bano stra-sentito e stra-rifatto da tutti, ma la versione è di quelle da ricordare, Keep On Drinkin di Big Bill Broonzy viene riarrangiata alla grande con l'aiuto di John Sebastian, e il classico Driving Wheel di David Wiffen diventa una maestosa soul-ballad tutto fiati e cori in cui si esalta il sax di John Firmin.

Dopo gli otto minuti e passa del puro Chicago-blues di I'll Take You Back (un brano dei Little Charlie & the Nightcats) il disco si addentra nel più classico menu completo di tutto della band, con l'immancabile medley tra un suo brano intonato a cappella (The Strongest Man Alive) con alcuni tradizionali irlandesi. In seguito si ricambia completamente versante geografico, tornando nell'America del country con la ballatona tutta steel guitar (la suona il fidato chitarrista di Dylan Larry Campbell, anche produttore dell'album) Last date (un successo per Conway Twitty), e via con i soliti numeri blues (Nobody Knows the Way I Feel This Mornin), bluegrass (un altro medley di tradizionali e un brano di Bill Monroe) e country (The Fields Have Turned Brown). Chiudono gli unici tre brani interamente firmati da Bromberg, che sorprende con la bella ballata west-coast di I'll Rise Again, il soul di World of Fools e la country-ballad You've Got to Mean It Too. Tutto fatto benissimo, tutto già sentito, e soprattutto la solita volontà di fare tutto di tutto: i dischi di Bromberg sono così, offrono innanzitutto varietà, quasi avesse paura di sembrare monotono concentrandosi solo su uno stile. Un po' come quando al ristorante vi portano un tris di primi piatti e due secondi di pesce e carne: difficile che vi piaccia sempre tutto allo stesso modo, ma sicuramente ne uscirete sazi e soddisfatti.



 

Nessun commento:

NEIL YOUNG

Neil Young  Hitchhiker [Reprise records 2017] neilyoung.com  File Under: It was a dark and stormy night… di Nicola Gervasini (21/09/...