giovedì 6 ottobre 2011

Fairport Convention with Sandy Denny - Ebbets Field 1974

Fairport Convention with Sandy Denny
Ebbets Field 1974
[ItsAboutMusic.com 2011
]



Di raschiare il fondo del barile sembra proprio che i fanatici delle memorabilia rock non siano mai stanchi, ma spesso poi sono gli stessi musicisti che cercano di riproporre il proprio mito riesumando registrazioni che hanno più carattere di documento storico che di imperdibile opera artistica. Ebbets Field 1974 è sicuramente uno di questi casi. Promotore dell'edizione è Jerry Donahue, colui che dal 1972 al 1975 sostituì Richard Thompson alla chitarra solista nei Fairport Convention, prima di darsi ad una carriera da session-man e tour-musician. La storia di questo live è raccontata nelle note da Dean Sciarra, presidente della ItsAboutMusic.com che pubblica il cd. E' lui che ha ritrovato le registrazioni di due concerti tenuti dai Fairport Convention in Colorado il 23 e 24 maggio del 1974, ed è lui che li ha dati a Donahue nella speranza che riuscisse a ripulirli quanto basta per una riedizione ufficiale.

Operazione più o meno riuscita vista la discreta qualità del cd, che esce a nome Fairport Convention with Sandy Denny in quanto lei non era ancora ufficialmente rientrata nel gruppo, nonostante avesse già riallacciato i rapporti pochi mesi prima per un breve tour da cui venne tratto l'album Fairport Convention Live del 1974 (s'intitola A Moveable Feast in alcune edizioni), naturale esito del suo matrimonio con Trevor Lucas. Sono dunque queste le prove generali per la vera e propria reunion in studio che produrrà il deludente Rising For The Moon del 1975. D'altronde la situazione nel 1974 non era rosea per nessuno: persi la Denny e Thompson, i Fairport Convention rimasti (oltre a Donahue, Trevor Lucas, Dave Swabrick, Dave Pegg e Dave Mattacks) avevano dato vita ad una serie di album di poco successo (Nine e Rosie del 1973), mentre la promettente carriera solista di Sandy Denny aveva prodotto due dischi meravigliosi, ma con vendite decisamente al di sotto delle aspettative. La rimpatriata fu insomma un modo per sopravvivere e sfruttare gli ultimi fuochi di successo del brit-folk (gli Steeleye Span al contrario dominavano ancora le classifiche in quegli anni), prima di entrare nella stagione del revival.

La scaletta si alterna equamente tra derivati dei dischi di Sandy Denny (che apre la serata con la bellssima Solo, ai tempi ancora inedita perché pubblicata il mese successivo sull'album Like an Old Fashioned Waltz), e i brani della band. In ogni caso non si può notare che il prodotto rappresenta in un certo senso un doppione del live del 1974, visti i molti brani in comune, come una lunga Sloth, dove Donahue prova coraggiosamente a far dimenticare la clamorosa performance di Richard Thompson nell'originale, lo strumentale Fiddlestix, utile a tributare applausi per la bravura di Swarbrick, la stessa Solo e John The Gun della Denny, la cover dylaniana di turno di Down In The Flood e classici come Dirty Linden. Ovvio che trattandosi di una nuova registrazione di un'artista che morirà da lì a pochi anni, acquista un grande valore, ma è evidente che le lunghe versioni di Who Knows Where The Time Goes e I'll Take a Long Time qui presenti servono solo a spargere qualche lacrima in più, ma non riescono a sostituirsi ad altre presenti sul mercato sia nei dischi originali che nei cofanetti dedicati alla Denny.

Ebbets Field 1974
è dunque un prodotto che non aggiunge nulla se non un bel lavoro di ripulitura di quello che ha tutta l'aria di essere un bootleg già in circolo da tanto tempo. Serve quindi ad alimentare il feticismo degli hard-fans, ma non si pone come titolo di punta per riscoprire una fantastica epopea artistica, che qui è oltretutto catturata in pieno tramonto.

(Nicola Gervasini)

www.itsaboutmusic.com


Nessun commento:

DON BRYANT

Don Bryant  Don't Give Up On Love  [Fat Possum/ Goodfellas 2017]  File Under: Don't give up on Soul di Nicola Gervasini (29/0...