venerdì 23 aprile 2010

FIRST AID KIT - The Big Black & The Blue


26/02/2010
Rootshighway



Quando ci si trova nel lettore un'opera prima di due ragazzine di 16 e 19 anni bisogna sempre fare un paio di fioretti prima di procedere all'ascolto e dare i conseguenti giudizi (per forza di cose affrettati, ma questo è il nostro duro mestiere…). Il primo proponimento è quello di non sottovalutare, perché è vero che nell'adolescenza si fanno mille sciocchezze, ma è pur vero che il rock nasce giovane, che Steve Winwood ha scritto Gimme Some Lovin' proprio a sedici anni e che nulla vieti che un simile miracolo possa accadere di nuovo. Il secondo fioretto invece è "non sopravvalutare", vale a dire non scadere nel "bè dai, per essere delle sbarbatelle, ci sanno fare". Allora pronti e via, inoltriamoci in questo fenomeno del 2010 siglato First Aid Kit, proprio come la cassetta con cerotti e alcool che tenete in ufficio se siete dei fanatici della fu legge 626 oggi 81, combo ristretto formato da due sorelline (Klara e Johanna Söderberg), innamorate del folk britannico come della mitologia nordica, anche loro miracolate della rete se è vero che qualche mese fa è bastato che le due postassero un video su youtube che le vedeva alle prese con una cover dei Fleet Foxes (Tiger Mountain Peasant Song) per divenire il fenomeno del momento.

Speso il dovuto passaggio dell'EP (Drunken Trees), le due giungono all'esordio con un discreto bagaglio di esperienza fatto di tour in Europa e Stati Uniti (ma guardando il lungo e fitto calendario di concerti uno si chiede "ma la piccola Klara non deve andare a scuola?"), ed effettivamente, al di là delle chiacchiere da eternauti, in questo
The Big Black & The Blue c'è effettivamente del talento. Fa una certa impressione guardare i due bei video realizzati per promuovere questo disco (Hard Believer e I Met Up With The King) e vedere uscire queste voci così piene e mature da due visi così inesorabilmente da teen-ager, ma la forza delle First Aid Kid sta proprio in questa incredibile (o sospetta?) maturità di know-how musicale, perché brani come In The Morning, Waltz For Richard o Josefin stanno perfettamente in bilico tra lezioni tradizionali studiate con passione e un certo nu-folk sbarazzino e alla moda di questi anni.

Come poi sia potuto succedere che un disco come questo, basato fondamentalmente su due voci, chitarre acustiche arpeggianti e qualche flauto qua e là, sia potuto diventare qualcosa di "cool" è mistero che solo il caos della rete può giustificare, sapendo magari che con dischi di ben altro passo, ma di simile concezione, altre paladine del genere hanno dovuto ravanare nell'anonimato per anni. Ognuno sia figlio del proprio tempo in ogni caso, le due ragazze nel loro myspace proclamano la loro totale innocenza urlando "We aim for the hearts, not the charts!" e queste 11 piccole perle di saggezza non danno nessun motivo di credere che non sia così.
(Nicola Gervasini)



Nessun commento:

DON BRYANT

Don Bryant  Don't Give Up On Love  [Fat Possum/ Goodfellas 2017]  File Under: Don't give up on Soul di Nicola Gervasini (29/0...