lunedì 10 maggio 2010

FIONN REGAN - The Shadow Of An Empire


Rootshighway
Aprile 2010.

Nel settembre del 2007 Lucinda Willams chiamò sul palco il giovane ed esordiente Fionn Regan presentandolo come "il Bob Dylan della sua generazione", ma pare che dal pubblico qualcuno evidentemente meno avvezzo alle grandi sparate le abbia urlato "Basta bere troppo!". Che la Williams possa aver alzato troppo il gomito quella sera è cosa quanto mai probabile, ma in quel caso l'esagerazione era anche dettata dal fatto che questo giovane songwriter irlandese era ai tempi uno dei nuovi puledri su cui più puntava la sua etichetta Lost Highway, intenzionata a ringiovanire la sua prestigiosa scuderia Irish (Van Morrison, Elvis Costello). Evidentemente le vendite del disco d'esordio (The End Of The History) non devono essere andate alla pari con le molte critiche positive ricevute, se è vero che l'anno scorso l'etichetta si è rifiutata di pubblicare un secondo album già prodotto nientemeno che da Ethan Johns, costringendo oltretutto il povero Fionn a dover ripartire da capo con le registrazioni. Per questo The Shadow Of An Empire esce a ben tre anni di distanza dall'esordio, perché è un disco registrato in fretta e furia in una vecchia fabbrica di biscotti abbandonata con musicisti locali (in Lord Help My Poor Soul appare Drew McConnell, bassista dei Babyshambles) e licenziato per un'etichetta indie rimediata in extremis dalla casa madre Universal.

Sono storie fortunatamente rare ormai, nell'epoca in cui l'autoproduzione non è più un ripiego ma sempre più spesso la prima scelta, eppure a questo punto è impossibile non ascoltare questi brani con la mente a cosa avrebbe potuto farne l'entourage esperto e pressoché infallibile del produttore di Ryan Adams (pensiamo al lavoro svolto per Jack Savoretti e Howard Eliiott Payne). Regan in ogni caso ha fatto buon viso a cattivo gioco, e forte dell'esperienza americana presenta un prodotto più arrangiato e complesso, con più chitarre elettriche e soprattutto un ritmo sostenuto che lo rende mai noioso. Una "svolta elettrica" che sottolinea però quanto tenda ad assomigliare fin troppo al sopracitato Dylan, sia per modo di cantare che per melodia e struttura delle canzoni (si parte con una
Protection Racket che potrebbe essere tranquillamente una cover di Subterranean Homesick Blues…).

Per quanto
Lines Written In Winter o Genocide Matinee dimostrino una penna in grado di uscire spesso dai clichè del genere, non sembra proprio essere lui l'uomo che riporterà il folk di marca irlandese fuori dal ghetto in cui si è rintanato da anni (pensate a come sono spariti dal grande giro Pogues, Hothouse Flowers, Bap Kennedy e tanti altri), e l'immagine del suo futuro che traspare da questo disco è più simile ad un'eroica resistenza da outsider alla Andy White (con cui ha molti punti in comune, basta ascoltareCatacombs o Coat Hook), piuttosto che ad una fulgida carriera fatta di duetti con Willie Nelson (passo obbligato per chi transita alla Lost Highway). Rimandato a tempi migliori, con il forte augurio di poterli trovare.
(Nicola Gervasini)

1 commento:

Maurizio Pratelli ha detto...

"basta bere troppo" non era niente male! :-)

JEFF TWEEDY

Jeff Tweedy  Together at Last [dBpm 2017 ] wilcoworld.net   File Under:  I've Got My Own Album to Do di Nicola Gervasini  (18/07/...