sabato 14 luglio 2012

ALEJANDRO ESCOVEDO



 Alejandro Escovedo Big Station
[Fantasy/ Concord Music Group 
2012
]
www.alejandroescovedo.com

 File Under: new glam rock 

di Nicola Gervasini (02/07/2012)

Consigliare il nuovo album di Alejandro Escovedo sulle nostre pagine sta diventando una prevedibile consuetudine. Tanto che ormai riesce difficile inventarsi qualcosa di nuovo per descrivere quanto questo artista stia ancora macinando grande "rock" in un epoca in cui tutti lo definiscono "classic" pur di non doverne decretare la morte. Invece lui da tre album a questa parte - ma a ben vedere in tutta la sua carriera - ha vestito i panni del professore illuminato, e ora insegna il verbo del rock and roll alle (poche) nuove generazioni che sono disposte ad ascoltarlo, e lo fa con una precisione e una qualità che ormai non ha eguali. Sembra quasi che non vedesse l'ora di poter raccontare le esperienze raccolte in quasi cinquant'anni di vita da strada, e le svela divertendosi e divertendo parecchio, in barba ad una malattia che più di dieci anni fa sembrava averlo fatto giungere al capolinea, e risultando addirittura uno dei pochi ultrasessantenni che ancora considera la produzione discografica (e non l'attività concertistica) come il fulcro della propria vita artistica.

Big Station ha tutto per piacere: canzoni che possono restare nella memoria (o davvero riuscireste a dimenticareBottom Of The World?), suoni che omaggiano non uno, ma più passati, dal glam (Big Station) alla new wave (Too Many Tears), dal punk (Man Of The World) fino addirittura a certi anni 80 (la straordinaria Sally Was A Cop). Episodi da arena-rock (le giocose Common Mistake e Party People) e aneddoti rock (Headstrong Crazy Fools) si susseguono senza sosta, alternandosi a momenti di riflessione in cui il nostro fa davvero sul serio (San Antonio Rain richiama certi suoi dischi degli anni 90, Never Stood A Chance è un trip strascicato e ipnotico come solo lui sa fare, Can't Make Me Run un teso dialogo con la tromba di Ephraim Owens). In tutto questo il finale in lingua di Sabor A Mi (un noto brano messicano del 1959) sa di ciliegina sulla torta, quasi una sorta di riconciliazione con quella roots-music che non sembra più interessato a fare. Lo aiuta il solito partner di lusso (Chuck Prophet), che oltre ad intervenire in fase di scrittura, si conferma ancora una volta come musicista dotato di un gusto fuori del comune, e il produttore Tony Visconti, uno che ha il pelo sullo stomaco e l'esperienza per sovrabbondare con cori di ogni sorta, fiati e orpelli elettronici senza mai scadere nel trash più bieco.

A questo punto ci resta solo da affrontare la solita domanda: come mai Escovedo resta sempre e comunque un personaggio di seconda fila, nonostante siano più di vent'anni che non sbaglia un colpo? La risposta sta proprio nel rispetto e nella totale deferenza che il nostro ha verso il rock e i suoi eroi (pensatelo sul palco con Springsteen due anni fa, sembrava quasi imbarazzato solo all'idea…), quasi che abbia messo la sua forte personalità d'artista al servizio di un suono che ama come ascoltatore prima ancora che come protagonista. Troppo amore e troppo poco individualismo forse, un atteggiamento dimesso che lo rende sicuramente simpatico, ma perennemente ai margini delle discussioni critiche sul rock odierno. O forse, più semplicemente, il professore evita le folle e ama fare lezione solo agli alunni più motivati e veramente interessati.

Nessun commento:

J SINTONI

J. Sintoni  Relief [Good Luck Factory / IRD 2017]   jsintoni.com   File Under:  Swamp Blues with Grappa di Nicola Gervasini (25/08/2017...