mercoledì 16 dicembre 2009

ELVIS PERKINS - The Doomsday EP


Buscadero
Dicembre 2009


Chi sia Elvis Perkins (e di chi sia figlio…) diamo ormai per scontato lo sappiate, altrimenti correte subito a reperire i suoi unici due album (Ash Wednesday del 2007 e Elvis Perkins In Dearland di quest’anno), perfetti esempi del nuovo folk indipendente, quello che fa di tradizione e sperimentazione un unico credo. The Doomsday EP è un piccolo addendum al recente disco, cinque outtakes che non avrebbero trovato spazio nel prossimo disco perché indissolubilmente legate alle sessions dell’acclamato secondo album. In questi casi un simile oggetto nasce inevitabilmente rivolto ai fans più scalmanati, anche se bisogna segnalare come lo stato di grazia di Perkins fa si che anche in questi inediti ci sia materiale imperdibile. Il brano del titolo è presente sia nella versione già ascoltata nell’album, ma anche in una versione funerea e rallentata, intitolata appunto Slow Doomsday, che risulta essere anche più affascinante. Per il resto nel lettore passano un’acida rilettura del traditional Gipsy Davy, certamente diversa da quelle che già sicuramente possedete (da quelle di Guthrie padre e figlio, alle tante risentite in questi anni), una Stay Zombie Stay che risulta essere uno strambo e claudicante folk, molto vicino a quelli del suo primo disco, fino alla sorprendente Stop Drop Rock And Roll, forse uno dei primi esempi di “rockabilly-indie”, una specie di Highway 61 Revisited in salsa moderna dove le codifiche del rock and roll più classico saltano completamente tra percussioni indiavolate e assoli di chitarra old-style. Ancora meglio Weeping Mary, spiritual corale che conclude quel piccolo viaggio/omaggio nella tradizione americana che è questo piccolo cd. Non ve lo spacciamo come imprescindibile perché il genio di Perkins è forse più evidente quando “fa l’Elvis Perkins” e non quando si mette a giocare con i generi come in questo caso, ma che siano venti minuti spesi bene è affermazione che rilasciamo senza remore.
Nicola Gervasini

Nessun commento:

DON BRYANT

Don Bryant  Don't Give Up On Love  [Fat Possum/ Goodfellas 2017]  File Under: Don't give up on Soul di Nicola Gervasini (29/0...