martedì 12 aprile 2011

CHARLES BRADLEY - No Time For Dreaming


Charles Bradley
No Time For Dreaming
[Dunham Records 2011]



I fanatici della "googlata" si faranno un paio di risate quando cercheranno chi diavolo sia codesto Charles Bradley, uno che a guardarlo sulla copertina di questoNo Time For Dreaming sembrerebbe avere storia ed esperienza da vendere. Invece la diabolica Wikipedia per questo nome offre alla storia nell'ordine: un cestista in pensione, un politico canadese, un giudice, un uomo d'affari, un professore di geologia, perfino un predicatore, ma nessun soul-singer di vecchia data. Per una volta anche i selvaggi navigatori dell'informazione facile e veloce saranno quindi costretti a leggersi qualche noiosa recensione come questa, giusto perché scoprano che questo sessantaduenne è nientemeno che un esordiente, o, se preferite, un dopolavorista del soul che ha finalmente trovato l'occasione giusta sulle soglie della pensione.

Le curiosità in merito a questo disco finiscono qui, perché poi l'operazione produttiva messa in piedi dalla Dunham Records è tutt'altro che robetta da parvenu del soul, visto che qui produce Thomas "Tommy TNT" Brenneck, chitarrista dei Dap-Kings (che conosciamo come fidi scudieri di Sharon Jones), ma soprattutto leader della Menahan Street Band, già titolari di un interessante disco del 2008 (Make the Road By Walking), e qui presenti al gran completo come home-band. Ma soprattutto ancora meno sorprendente è il contenuto, un lotto di brani autografi che strizzano l'occhio senza troppi misteri a James Brown, e finiscono però ad invadere più il campo di altri giganti del genere. In un certo senso No Time For Dreaming potrebbe essere il punto di non ritorno del nuovo soul-revival di questi anni, l'estremizzazione dell'elemento nostalgico di una scena di paladini della old-time black music che combattono lo strapotere del rap e dell'hip hop a colpi di sezioni fiati e sonorità vintage. Un'invasione più volte benedetta anche da noi, che ci ha fatto scoprire validi soul-singer (Roy Young, Sterling Harrison,…), o riesumato vecchie glorie dimenticate (Bettye Lavette, Mavis Staples, Solomon Burke, la lista è lunga), che hanno riportato in auge un genere da troppo tempo schiavo dell'obbligo di stare al passo con i tempi.

Bradley si aggiunge al gruppo ed isterizza ancor più il concetto con un disco che sembra sputato fuori da uno studio della Stax degli anni 60, e che non si fa mancare un tributo a nessun padre spirituale (Marvin Gaye vive nel ritmo di Telephone Song, Curtis Mayfield transita nelle note di Golden Rule, James Brown un po' ovunque). Forse si potrebbe criticare un certo manierismo generale, o rimarcare che, sparate subito le cartucce migliori, il disco scema un po' nella ripetizione della formula "ballata sofferta alla It's A Man's, Man's, Man's World". Oppure magari si potrebbe notare che ci sono giovani esponenti che sullo stesso campo osano magari qualcosa di più, senza per forza annacquare il loro sound (Aloe Blacc o Black Joe Lewis ad esempio). Ma siamo certi che per Bradley queste sarebbero solo speculazioni da critici che nulla hanno a che vedere con il sudore e la passione di questo album.
(Nicola Gervasini)

www.thecharlesbradley.com

2 commenti:

vittorio ha detto...

Ma l'etichetta non è la Dap Tone records?

Nicola Gervasini ha detto...

Dunham e Daptone sono la stessa cosa
http://www.daptonerecords.com/dunham-records.html

J SINTONI

J. Sintoni  Relief [Good Luck Factory / IRD 2017]   jsintoni.com   File Under:  Swamp Blues with Grappa di Nicola Gervasini (25/08/2017...