PATTERSON HOOD - Heat Lightning Rumbles in the Distance


 Patterson Hood Heat Lightning Rumbles in the Distance
[
ATO 
2012]
www.pattersonhood.com


 File Under: book-rock 

di Nicola Gervasini (12/10/2012)

La dipartita di Jason Isbell dai Drive-By Truckers non è stata affatto indolore. Se Brighter From Creation's Dark nel 2009 aveva dato questa illusione, il seguito ha evidenziato come l'assenza di uno degli elementi portanti del gruppo (oltretutto già titolare di una carriera solista decisamente al di sopra dell'ultima fase del gruppo) stia pesando sul lungo periodo. Corretta dunque la mossa di Patterson Hood di rinverdire una mai troppo sviluppata storia solista (due album di abbozzati esperimenti casalinghi) per riordinare le idee in assenza di compagni che si erano forse fatti troppo ingombranti. Perché potrebbe essere proprio l'eccessiva democrazia che vige nella band il suo nuovo tallone d'Achille, visto che una volta libero di esprimere il proprio songwriting in solitaria, Hood ha riacquistato freschezza e voglia di lavorare con più attenzione agli arrangiamenti.

Heat Lightning Rumbles in the Distance nasce concettualmente da un abortito progetto letterario dello stesso Hood, non certo nuovo a verbose carrellate di letteratura americana con accompagnamento di rock sudista. Il pretesto è raccontare i suoi turbolenti anni 90, quando essere una "rockstar" era lontano dai suoi progetti e la realtà era fatta di amici poi persi per strada, donne abbandonate per troppo bisogno di solitudine e ambiti famigliari tutt'altro che accomodanti. Passare attraverso questi dodici brani senza un libretto dei testi alla mano vuol dire perdersi il senso di tutto, ma stavolta fortunatamente Patterson non si è perso nei meandri dei suoi dolorosi ricordi e ha lavorato bene anche in studio di registrazione, nonostante la scelta di una presuntuosa auto-produzione (ma il lungo elenco di tecnici e aiutanti da l'idea che abbia chiesto aiuto alle persone giuste "visti" gli ottimi suoni dell'album). Alla fine quella in studio non è altro che un'edizione rimaneggiata dei Drive-By Truckers, con le tastiere di Jay Gonzalez a farla da padrone assieme al violino di Scott Danbom dei Centro-Matic e l'immancabile pedal-steel di John Neff.

I brani sono generalmente lenti, dove alla ricerca della melodia di Leaving Time o Disappear fanno da contraltare i suoi classici brani/racconto come Depression Era o After The Damage. Anche l'unico brano che esula dal racconto (Come Back Little Star, scritta e cantata con Kelly Hogan) alla fine si amalgama perfettamente nel plot, visto che l'omaggio a Vic Chesnutt del testo rende bene l'idea di come gli anni 90 abbiano riscoperto quella vena malinconica e intimista (che costituisce la caratteristica principale di questo album) proprio grazie a personaggi come lo sfortunato cantautore di Athens. Ma Betty Ford, straordinario affresco dedicato alla first lady che traghettò l'America fuori dalle paludi del Vietnam (scomparsa lo scorso anno), è esattamente uno di quei piccoli gioielli di new-indie-southern-rock che continuiamo imperterriti a cercare nei dischi dei Truckers. E sapere che ne sa scrivere ancora consola moltissimo.

Commenti

Post più popolari