sabato 4 ottobre 2014

JENNY LEWIS


 Jenny Lewis 
The Voyager 
[
Warner 
2014]
www.jennylewis.com

 File Under: pop girl

di Nicola Gervasini (03/09/2014)
In agosto la frizzante Jenny Lewis è apparsa a sorpresa in uno dei concerti di Beck per lanciarsi con lui in una baldanzosissima Do Ya Think I'm Sexy? di Rod Stewart. Basterebbe ascoltare quella performance per leggere correttamente The Voyager, il suo terzo album solista: se infatti Beck è apparso decisamente spaesato nel calarsi nella divertente cialtronaggine del brano che consacrò Stewart come una delle più abili "puttane" del rock-system, lei si è trovata subito a suo agio nel ritmo come nelle mossette giuste. The Voyager segue con notevole ritardo gli acclamati (e anche da noi consigliati) Rabbit Fur Coat del 2006 e Acid Tongue del 2008, belle prove di elaborato country-rock al femminile. Nel frattempo lei aveva trovato solo il tempo di un album a due mani con il fidanzato Jonathan Rice (I'm Having Fun Now del 2010), per cui è presumibile che la gestazione di questa nuova fatica sia stata lunga e laboriosa.

E si sente: il disco è curato al limite dalla over-production nientemeno che da Ryan Adams, tra l'altro aiutato (sempre nientemeno che) da Beck e dallo stesso Rice. Team di serie A, ma risultato che si barcamena a metà classifica purtroppo. La sensazione è che l'occasione sarà persa solo per noi, che forse preferivamo certe spigolature nelle melodie e le chitarre meno garbate sentite nei suo lavori precedenti, mentre qui la partenza con Head Underwater e She's Not Me lambisce le rive di un pop radiofonico che in molti troveranno più che piacevole. Lo fa più che degnamente in ogni caso, ma il senso di leggerezza che pervade The Voyager ha spesso più il sapore del vacuo che della spensieratezza. Anche perché i testi non sono certo quelli da teen-pop, anzi continuano comunque a parlare senza mezzi termini dei suoi trascorsi con la droga, della sua infanzia e di amori ben poco felici (Slippery SlopesThe New You), ma nell'insieme manca all'appello il brano energico e graffiante.

Non latitano comunque i momenti di gran livello, soprattutto quando si passa nella splendida Late Bloomer (qui il tocco di Adams è evidente) o si viaggia in zona-Stevie Nicks con Just One Of The Guys (il singolo prodotto dal solo Beck), o anche quando il pop viene sondato nella sua espressione migliore con una convincente You Can't Outrun'Em che sarebbe piaciuta al Tom Petty dell'era Full Moon Fever. Insomma, magari i colleghi di Pitchfork provocano un po' sentendoci rimandi alle Go-Go's, ma davvero ascoltando una perfetta radio-song come Aloha & The Three Johns non andiamo poi troppo lontano. Adams dimostra di avere sensibilità melodica (ma questo lo sapevamo), ma come produttore sceglie sempre la via più semplice e prevedibile, e non pare avere il magic touch di un Ethan Johns, per dirne uno a lui molto caro. The Voyager segue la svolta easy di altre artiste come Grace Potter o Sarah Borges, e forse lo fa decisamente meglio, ma gli album che lasciano segni profondi sono altri.

Nessun commento:

NEIL YOUNG

Neil Young  Hitchhiker [Reprise records 2017] neilyoung.com  File Under: It was a dark and stormy night… di Nicola Gervasini (21/09/...