martedì 28 settembre 2010

RYAN BINGHAM - Junky Star


Il giornalista sportivo Gianni Brera sosteneva che la passione italiota per il calcio fosse dettata dal fatto che quello che accade in campo è esattamente quello che succede nella vita di tutti. Oggi, che il calcio di Brera è morto e sepolto con lui, sappiamo che anche lo schifo che accade fuori dal campo è ben rappresentativo della vita del nostro paese, per cui ben facciamo noi ad occuparci di altro. Ma per una volta concedeteci di ispirarci al buon Brera per capire come mai il nostro giovane campione del momento (Ryan Bingham) si sia espresso al meglio con un allenatore di serie B (il prode Marc Ford, ex Black Crowes, un fuoriclasse della chitarra, quanto un produttore ancora alla ricerca di un proprio marchio di fabbrica), piuttosto che sotto la guida del "Mourinho della roots music" (l'iperattivo T-Bone Burnett). La risposta è calcistica: "squadra che vince non si cambia", e allora visto che al duo Bingham-Burnett è bastata una sola canzone per vincere addirittura un oscar (Weary Kind), logico aspettarsi l'album di rito. Ma il risultato parla chiaro: Junky Star è un sofferto 1-0 d'inizio stagione, strappato con i denti da una squadra portentosa, con una punta come Bingham che dimostra anche in questo caso di essere l'unico nome davvero credibile e riproponibile ad alti livelli (la stessa Junky Star lo ribadisce subito, certi tiri riescono solo ai grandi talenti), e un Burnett che fa sentire il suo peso come al solito.

Ma sempre Brera insegna che i giocatori e gli allenatori possono anche essere bravi, ma una squadra vincente nasce da una giusta alchimia e da una corretta combinazione di ruoli. E così se Burnett quando allena Mellencamp fa meraviglie grazie alla sua tattica di trincerarsi in un'area fatta di tradizione e suoni vintage (una sorta di reazionario catenaccio), con Bingham si ritrova per le mani un giocatore meno duttile e poco adatto al ruolo. Il problema infatti è che è lo stesso Ryan a non tenere la posizione a lungo, perché se questo disco inizia con una grande azione difensiva (la riflessiva The Poet) esattamente come succedeva in Mescalito, il nostro fallisce il primo ribaltamento di campo con Strange Feeling In The Air, brano che richiede una incisività a suon di slide-guitars taglienti, ma che il buon T-Bone riesce invece a rendere evanescente e cervellotico. E così, palesemente spaesato, il nostro campione temporeggia con un po' di melina a centrocampo (il difficoltoso trittico Depression, Hallelujah, Yesterday's Blues), ma la dimensione acustica alla lunga (…e l'album è lungo…) gli sta evidentemente stretta.

Finisce così che gli schemi saltano (Direction In The Wind passa sulle strade del blues), l'allenatore gesticola a bordocampo e saccheggia Lay My Head On The Rail sostituendo i bistrattati Dead Horses con nulla, fino a quando la star reagisce e incorna finalmente a rete con la tensione southern di Hard Worn Trail. Ma è evidente che la vittoria è risicata, e che il nostro piccolo campione avrebbe bisogno di dare più libertà al proprio estro per far risaltare la bella scrittura del finale di Self-Righteous Wall e All Choked Up Again, numeri che, con un buon chitarrista solista a fare gli assist o un tastierista di esperienza a tessere geometrie sulla mediana, avrebbero sicuramente generato una goleada.
(Nicola Gervasini)

7 commenti:

Maurizio Pratelli ha detto...

mai lessi accostamento più degno: il mou e T Bone. Ma ti consiglio di riguardare la partita, per me è finita almeno 4-0. Non è goleada, ma ci manca poco. Colpa dei pali.... :-)

Nicola Gervasini ha detto...

...eh lo so, ma è inutile, al massimo un 2-0 al 94esimo.....questo disco mi prende a metà, avercene in ogni caso, ma secondo me non è il suo disco ideale questo....

lo affidiamo a Benitez?

Maurizio Pratelli ha detto...

dopo ieri direi affidialo a eto'! :-)

SigurRos82 ha detto...

Bellissima recensione, complimenti, similitudini mai più azzeccate ;)

Se Mescalito fu un 4-0 netto, e Roadhouse Sun un 2-0 (di quelli però giocati contro squadrette senza difesa come il Werder Brema dell'altra sera :P), questo Junky Star lo vedrei come...un altro 2-0 sofferto ma meritato ;)

Ciao!

zambo ha detto...

completamente d'accordo con la recensione peraltro bella, T Bone è un produttore sopravalutato ultimamente, dovrebbe lavorare meno e meglio. Questo è il disco minore tra quelli fatti da Bingham anche se non si può dire brutto ma solo ripetitivo e anche l'ultimo Mellencamp è fiacco. Canzoni inesistenti una uguale all'altra senza nerbo però è politically correct, registrato vintage e nei posti giusti e quindi bisogna parlarne bene a priori.E' come il PD, non incide.

zambo ha detto...

sono d'accordo con la recensione, T Bone è un produttore oggi sopravalutato, dovrebbe lavorare meno e meglio. Il nuovo Bingham è il minore dei tre, non brutto ma alla fine noioso. Anche il lavoro fatto da T Bone con Mellencamp è deludente, l'ultimo disco è ripetitivo e senza canzoni memorabili ma è registrato nel posto giusto, acustico e quindi politically correct per cui bisogna parlarne bene a priori. Di predicatori ne abbiamo troppi, sono i rockers che cominciano a mancare

Nicola Gervasini ha detto...

Grazie Zambo...

effettivamente anch'io ho il sospetto che il disco acustico e vintage sia anche un po' una moda, tipo gli unplugged degli anni 90...non lo si negava a nessuno.....

WILLIAM THE CONQUEROR

William the Conqueror Proud Disturber Of The Peace [ Loose Music / Goodfellas  2017] williamtheconqueror.net   File Under:   The many ...