mercoledì 27 marzo 2013

DAVID BOWIE

  
 David Bowie The Next Day
[RCA/ Sony 
2013]
www.davidbowie.com


 File Under: Where are we now?

di Nicola Gervasini (15/02/2013)

Che ci fa David Bowie su Rootshighway? Tranquilli, nessun ritorno in tinte roots per il Duca Bianco: The Next Day, già celebratissimo comeback dopo dieci anni di silenzio e preoccupanti rumours di malattie e invalidità varie, è un Bowie-record al 100%. E probabilmente tanta attesa era davvero solo dovuta al fatto che David si deve essere spaventato quando con Reality ha prodotto il suo unico disco né brutto né bello, ma semplicemente inutile (come vorremmo che una simile paura attanagliasse anche altri suoi colleghi e coetanei!). Se oggi ne parliamo anche su queste pagine è solo perché The Next Day, oltre ad essere innegabilmente un disco di gran spessore e per questo necessario (anche se è ancora troppo presto per definirne un peso specifico all'interno dell'opera bowiana), è anche un album che in qualche modo potrebbe aiutare a chiudere il cerchio di una maturazione dell'ascoltatore rock italiano.

Vorremmo sperare sia finito il tempo in cui chi ascoltava Springsteen vedeva Bowie come il nemico (e viceversa), e se nel 1984 era effettivamente difficile per chi professava il verbo del rock da strada e delle radici trovare sostanziali differenze tra Tonight di Bowie e Arena dei Duran Duran (mentre quelle con i dischi dei Del Fuegos, Green On Red o Husker Du apparivano lampanti), oggi in The Next Day ritroviamo magicamente tutto. Non è rock delle radici, semplicemente perché Bowie è lo sradicato per eccellenza, capace di far nascere fiori colorati da qualsiasi humus gli capiti sotto le mani. Delle canzoni di The Next Day ve ne parleranno in tanti e anche più dettagliatamente, ci sono i richiami al glam rock che fu di (You Set) the World on Fire, i riffoni alla Tin Machine seconda edizione di The Stars (Are Out Tonight), il pop sintetico di If You Can't See Me, le spigolature alla Scary Monsters della title-track e tanto tanto altro, compresa lo straordinaria Where Are We Now? che sembra una riposta a Thursday's child, il suo ultimo grande singolo.

Quattordici brani (diciassette nella consigliata edizione deluxe) che mancavano alla sua discografia, e già solo questo è il più grande successo. Ma soprattutto la capacità di usare un linguaggio rock davvero universale, dove il marchio di fabbrica può piacere o no, ma a sessantasei anni David dimostra di essere l'unica rockstar che ha davvero capito che il futuro è un unico calderone dove le nicchie stilistiche continueranno ad esistere solo in funzione della possibilità di unirsi e mischiarsi tra loro. Per questo The Next Day è un disco importante anche per queste pagine, perché siamo già sicuri che da qui partiranno anche molti artisti appartenenti al mondo della canzone americana. Poi a voi la scelta se amarlo, farvelo solo piacere o detestarlo: sicuramente sarà impossibile ignorarlo.

     

Nessun commento:

DON BRYANT

Don Bryant  Don't Give Up On Love  [Fat Possum/ Goodfellas 2017]  File Under: Don't give up on Soul di Nicola Gervasini (29/0...