giovedì 2 maggio 2013

BIG WRECK


BIG WRECK
ALBATROSS
Anthem/Zoe
***

La storia dei Big Wreck ha radici lontane, nel 1994, epoca della seconda e ultima ondata di band filo-grunge non strettamente appartenenti alla scena di Seattle (sono canadesi infatti). Nel 1997 fecero in tempo a sfruttare gli ultimi scampoli di grandi vendite del genere facendo del loro esordio In Loving Memory Of... un doppio disco di platino negli Stati Uniti, forti di un suono che richiamava i Soundgarden (la voce del leader è davvero simile a quella di Chris Cornell), ma che spesso e volentieri si concedeva svisate prog, con il risultato di un tour in coabitazione con i Dream Theatre.  Ci misero troppo tempo a pensare al seguito, e The Pleasure and the Greed uscì nel 2001 finendo presto nell’anonimato, convincendo così il leader Ian Thornley a chiudere l’esperienza per fondare una band che porta il suo stesso nome (che ha avuto anche buon successo negli anni duemila).  Ma in linea con il vago revival del suono grunge di questi ultimi tempi, ecco che lo stesso Thornley ha riesumato a sorpresa la sigla, orfano però dei vecchi compagni Dave Henning e Forrest Williams (evidentemente allergici alle reunion), ma con un nuovo combo formato  da Brian Doherty, Paolo Neta, Brad Park e Dave McMillan. I Big Wreck che hanno riunito cocci e ceneri sparse negli anni per pubblicare Albatross sono dunque una nuova band, ma il sound sparato nelle casse dalla bella title track che tanto gli sta portando fortuna, e da altri brani, è puro sound anni 90 rigenerato per i palati delle nuove generazioni. Il gioco però sembra funzionare, se è vero che il disco è senz’altro preferibile all’ingloriosa reunion dei Soundgarden dello scorso anno, e ha appena vinto il premio di album rock dell anno agli Juno Adwards del 2013 (sono i grammy canadesi per la cronaca) . Il vantaggio di Albatross è che non tenta proprio di nascondere la sua essenza nostalgica, brani come A Million Days (qui gli echi raggiungono gli Alice in Chains) o la più roots-oriented Wolves appartengono ad un ‘altra era del rock, e tutto sta alla vostra voglia di rituffarvi in un suono che con i suoi vent’anni e passa si può ormai definire vintage. Ai canadesi la voglia evidentemente è venuta subito.
Nicola Gervasini

Nessun commento:

JEFF TWEEDY

Jeff Tweedy  Together at Last [dBpm 2017 ] wilcoworld.net   File Under:  I've Got My Own Album to Do di Nicola Gervasini  (18/07/...