lunedì 13 maggio 2013

JJ GREY & MOFRO

JJ Grey & MofroThis River
[Alligator  
2013]
www.jjgrey.com


 File Under: vorrei la pelle nera

di Nicola Gervasini (22/04/2013)

Di come JJ Grey e i suoi Mofro siano destinati a rimanere una cult-band per appassionati abbiamo già discusso in occasione del devastante live Brighter Days del 2011. Restava però da sciogliere il dubbio su quanto la loro formula, fatta di roots-rock da jam-band post anni novanta e "quintalate" di soul e funky music anni settanta, potesse reggere sulla distanza nei lavori in studio. Dubbio instillato da un disco (Georgia Warhorse del 2010 ) che era parso più stanco, più prevedibile, o semplicemente minore rispetto all'accoppiata Country Ghetto/Orange Blossom che li aveva definitivamente lanciati nei nostri ascolti. Tanto che anche loro si sono presi una bella pausa di tre anni prima di ripartire con un nuovo disco, e la grande vittoria che This River ottiene fin dai primi ascolti è proprio quella di riuscire a confermare come buona una ricetta ormai consolidata, recuperando freschezza e capacità di azzeccare anche grandi brani.

Insomma, il primo grande merito dei JJ Grey & Mofro è stato quello di resistere, di non farsi prendere dalla frenesia di tentare improbabili evoluzioni verso chissà che cosa, di non aver partecipato all'80-revival imperante nel sound di questi ultimi due anni, solamente per trovare nuovi stimoli. Hanno invece proposto la solita minestra, solo che questa volta non sa di brodaglia riscaldata, ma è una leccornia fresca di giornata, fin dalle note mai così black di Your Lady, She's Lady e alle soul ballad Somebody Else e Tame A Wild One. Difficile quindi trovare differenze con il passato, se non forse un ulteriore passo verso la musica nera che li fa abbracciare con convinzione ritmi puramente funky (provate a pensare a Florabama in mano a Prince e capirete), tanto che il ritmo diventa spesso preponderante sulla canzone (Harps & Drums è 99% groove applicato ad un testo ridotto all'osso, come da manuale del maestro James Brown, che un pezzo del genere lo avrebbe tirato anche per venti minuti senza problemi).

Da qui l'utilizzo sempre più invadente della sezione fiati, il non curarsi poi troppo se certe melodie paiono già sentite in qualche disco di Solomon Burke (This River) e l'accento posto sulle lunghe soul-ballad come la splendida Write a Letter che rappresentano poi il punto forte dei loro concerti. Ciò che conta è che un giro strasentito come quello che sorregge Standing On The Edge risulta sempre convincente se ci si mette una gran voce e una band che suona in studio con la stessa verve dimostrata dal vivo (il finale sa di jam a briglia sciolta da chiusura di concerto). Inutile stare troppo a sottilizzare: JJ Grey scrive buone canzoni, canta sempre meglio con il passare del tempo e riesce a mantenere viva la vitalità della sua band: era esattamente questo che chiedevamo a This River. Fare di più non è mai stato compito suo.


  

Nessun commento:

JEFF TWEEDY

Jeff Tweedy  Together at Last [dBpm 2017 ] wilcoworld.net   File Under:  I've Got My Own Album to Do di Nicola Gervasini  (18/07/...