CRACKER


 Cracker
Berkeley to Bakersfield
[
429 Records/ Floating World 
2015]
www.crackersoul.com

 File Under: Left to Right

di Nicola Gervasini (03/01/2015)
Non ci si interroga neanche più su quale siano ormai le differenze tra Camper Van Beethoven e Cracker. Se i primi sono stati simbolo d'avanguardia negli anni 80, i secondi hanno poi normalizzato la lezione nei grandi dischi pubblicati negli anni 90, con più focus sulle canzoni, e molta meno sperimentazione. Negli anni 2000 le due sigle si sono però confuse in un unico percorso che fa capo al leader David Lowery, ormai unico vero deus ex machina di tutto. Tanto che Berkeley to Bakersfield esce a nome Cracker, ma pare un terzo lungo capitolo finale della doppietta di album usciti come Camper Van Beethoven tra il 2013 e il 2014 (La Costa Perdida e El Camino Real). Ma se in quel caso si celebrava la West Coast da un punto di vista quasi turistico, il nuovo progetto racchiude un viaggio socio-politico tra San Francisco (Berkeley) e Los Angeles (Bakersfield è nelle vicinanze).

Due album in uno, il primo (Berkeley) decisamente rock-oriented, con un sound che rimanda ai loro capolavori come Kerosene Hat e Gentleman's Blues, mentre il secondo sposta il baricentro più verso il country e la roots-music . Quello che però sorprende è che finalmente la strabordante prolificità di Lowery pare nuovamente focalizzata sulle canzoni e non sulle forzature dovute al plot del progetto. In altre parole Berkeley to Bakersfield potrebbe essere davvero il loro disco definitivo, il riassunto di tutta una carriera mai troppo lodata, seppur cosparsa di troppi titoli minori negli ultimi anni. I due album hanno avuto anche una genesi diversa: Berkeley infatti vede in azione per la prima volta dopo tanto tempo la line-up storica con Lowery, Johnny Hickman, Davey Faragher e Michael Urbano, mentre Bakersfield vede i soli Lowery e Hickman a comando di una folta schiera di session-man della country-music. Ma al di là degli aspetti produttivi, il disco è in verità un bellissimo affresco del mondo politico statunitense, simbolizzato dalla progressista Berkeley e dalla ben più storicamente conservatrice Bakersfield, città che distano poco in termini geografici (solo cinque ore di macchina), ma tantissimo come stile di vita proposto.

Magari poi ci sarebbe da discutere sulla scelta di rappresentare il pensiero progressista americano con un sound decisamente garage-oriented e quello più conservatore con i blandi ritmi della country music, ma Lowery è uomo in grado di usare con intelligenza anche i più triti stereotipi. Charles Pitter di Popmatters ha definito l'album "uno duello alla morte tra i Flamin Groovies e Merle Haggard", e francamente non ci provo neanche a trovare definizione più centrata. Non c'è spazio per entrare nel merito di ogni singolo brano (diciotto in tutto, e davvero nulla da buttare via), ma il consiglio (o direi proprio imperativo) e di ascoltare l'album testi alla mano e assaporare così al meglio la verve ironica di Lowery, degna dei comics Doonesbury di Garry B. Trudeau (se non le conoscete, riparate in fretta, sono la via migliore per comprendere la politica americana). Per il resto, dopo l'exploit di Lucinda Williams, questo è il secondo album doppio che fa centro pieno negli ultimi mesi, un vero pugno in pancia al "tutto, tanto e possibilmente veloce" che domina i nostri ascolti in questi anni dieci. Se cercate il titolo su cui soffermarvi con più attenzione, a Berkeley to Bakersfield non manca davvero nulla: grandi canzoni, grandi melodie, ottima produzione, e testi che vi chiariranno tutta la follia politica e sociale degli stati Uniti. Il tutto percorrendo solo cinque ore di macchina. 

Commenti

Post più popolari