mercoledì 8 aprile 2015

DISTANCE, LIGHT & SKY

DISTANCE, LIGHT & SKY
CASTING NETS
Glitterhouse
***

Chi scrive ha una ammirazione smisurata per Chris Eckman, sia come produttore, che come autore e cantante. Sul suo glorioso passato con i Walkabouts (e anche presente, visto l’ottimo livello dell’album Travels in the Dustland del 2011), nulla da aggiungere, come anche sulle sue tante produzioni nate negli ultimi 15 anni tra Praga e la Slovenia, dove ormai opera stabilmente, ma forse è tempo di fare un piccolo discorso che sappia di “punto della situazione” sui suoi tanti progetti. Ce ne dà l’occasione il primo album di una sua ennesima nuova creatura discografica, i Distance, Light & Sky, nome che di fatto rappresenta lo stesso Eckman e la vocalista olandese Chantal Acda. E l’uso dell’aggettivo “ennesimo” potrebbe già far capire dove si vuole andare a parare: Casting Nets infatti è l’ennesimo (appunto) prodotto suggestivo e di atmosfera nato dai suoi studi, tutto retto su brani elettro-acustici di atmosfera dark e notturna che giocano sull’interscambio tra la voce cavernosa di Chris e quella dolce e eterea della Acda, che qualcuno magari già conosce come solista e come voce della band britannica Isbells. Il problema è che se i tanti side-project di Eckman, nel bene e nel male, erano caratterizzati da un concetto di studio e sperimentazione (si pensi agli esperimenti techno-afro dei dischi dei Dirtmusic o a quelli di musica d’avanguardia dei L/O/S/T), Casting Nets appare come una semplice riproposizione del sound Walkabouts (o forse, ancora più precisamente, ricorda i dischi usciti come Chris & Carla), semplicemente con una attrice principale diversa. Nulla di male quindi, i fans di Eckman ritroveranno in questi dieci brani tutti gli elementi che si aspettano da un suo album, forse con uno spostamento di baricentro verso folk e  tradizione che ricorda quasi i dischi di Mark Lanegan con Isobel Campbell. Strumentazione ridotta al minimo (unico session-man presente oltre al duo è il percussionista Eric Thielemans), qualche brano comunque degno di essere approfondito (Son, This Place), ma anche una sensazione di dejà vù e di una certa stanchezza in termini di nuove brillanti idee da parte del padrone di casa. E una nuova sigla che aumenta solo l’ormai ingestibile confusione della sua discografia. In altre parole, un album più che discreto, ma che resterà un episodio minore di una grande saga.

Nicola Gervasini

Nessun commento:

WILLIAM THE CONQUEROR

William the Conqueror Proud Disturber Of The Peace [ Loose Music / Goodfellas  2017] williamtheconqueror.net   File Under:   The many ...