lunedì 25 gennaio 2016

CITY AND COLOUR

CITY AND COLOUR
IF I SHOULD GO BEFORE YOU
Dine Alone/ Caroline
***1/2

Ogni tanto serve andare a rileggersi le vecchie recensioni, un po’ per la sana attività di autocritica del critico, un po’ perché poi serve a capire cosa sta cambiando nel modo in cui valutiamo la musica. Mi era già capitato di parlare di City And Colour nel 2008 in occasione del suo secondo album Bring Me Your Love, e ai tempi, fin dalle prime righe, non celai un certo sarcasmo nel evidenziare come Dallas Taylor, fino ad allora noto nel mondo del cosiddetto post-hardcore come leader della band Alexisonfire, avesse semplicemente tentato una carriera solista seguendo la moda indie che voleva canzoni tristi e acustiche, barba lunga, nome di un gruppo che in verità rappresenta una persona sola…insomma un clone di Iron&Wine. Il disco non era malaccio, ma sembrava destinato a perdersi nel mucchio, anche se poi le incoraggianti vendite dei successivi capitoli (Little Hell del 2011 e The Hurry and the Harm  del 2013) soprattutto in Canada dove ha largo seguito, gli hanno ragione. Ma ancora più convincente è la maturazione, il deciso cambio di rotta, o finalmente una certa crescita in personalità, evidenziato dal nuovo lavoro, If I Should Go Before You. Dimenticate l’indie-folker chino sulla chitarra acustica e sui propri dolori, il nuovo album di City And Colour è un disco pieno, ottimamente arrangiato, di un indie-rock che si, ruba un po’ ovunque (Okkervil River?, Jonathan Wilson? Persino primi Radiohead se vogliamo…e me ne vengono in mente altri cento forse), ma che trova la grazia di un pugno di canzoni davvero ben scritte. Registrato a Nashville (e si sente, nelle elettriche rootsy e nell’organo hammond che fa da sfondo a molte canzoni), il disco mostra un insospettabile verve da classic-rocker, con finezze come l’incedere decisamente black di Killing Time, straordinario brano sorretto da ritmica pulsante e wurlitzer a commento. La partenza con i 9 minuti e passa (e non annoiano…) di Woman poi è davvero da applausi, brano strascicato e in lento crescendo che prepara ad una Northern Blues che quasi sa di versione freak di Tom Petty e una bella e delicata Mizzy C. E andando avanti sempre più il rock americano entra nelle vene, con una Runaway che potrebbe davvero appartenere a qualsiasi cantautore di Nashville, una Wasted Love che sa di band di Americana, o Lover Come Back che invade il campo di un Amos Lee, per dirne uno a caso. Si chiude con la folkie Map Of The World e la maestosa Friends, prima di una Blood che recupera il tono un po’ melodrammatico della partenza. Non sa di promozione al rango di autore di punta, quando solo di quella volta che anche un artista minore azzecca il disco giusto. Diamogli perlomeno questo merito e soddisfazione.

Nicola Gervasini

Nessun commento:

DON BRYANT

Don Bryant  Don't Give Up On Love  [Fat Possum/ Goodfellas 2017]  File Under: Don't give up on Soul di Nicola Gervasini (29/0...