mercoledì 20 gennaio 2016

POP STAPLES


 Pop Staples Don't Lose This [Anti/ Self  2015]
anti.com/artists/pops-staplest

 File Under: The Soul of Jeff Tweedy

di Nicola Gervasini (09/03/2015)
Se fosse un disco veramente nuovo, Don't Lose This sarebbe solo l'ultima delle riesumazioni di star del soul storico ad opera di star della roots-music moderna. Ma qui ad essere riesumato dalla benemerita Anti è un album che, se fosse uscito ai tempi della sua effettiva prima registrazione (il 1999), avrebbe scippato al duo Solomon Burke/Joe Henry il merito di aver lanciato la moda delle collaborazioni vecchio/giovane in campo soul (e non solo…). Ma non sarebbe stato in ogni caso così, perché c'è il trucco… Facciamo un passo indietro: Pops Staples è morto nel 2000 dopo una vita di grandi successi e irraggiungibili capolavori con i suoi Staples Singers (se non avete in casa perlomeno Be Altitude: Respect Yourself del 1972 vergognatevi…) e battaglie sociali e antirazziste. Prima di morire registrò un ultimo disco, insieme alla fedele figlia Mavis, per solo chitarra e voci, ma nessuno pensò a pubblicarlo.

La tenace Mavis ha parlato dell'album al suo produttore del momento, Jeff Tweedy dei Wilco, il quale ha ripreso i nastri e ha registrato ex-novo le parti di basso e qualche chitarra. E, visto che era intento a registrare il suo album solista con il figlio Spencer, ha affidato al pargolo le poche parti di batteria presenti. Il risultato è in tutto per tutto simile ad album come One True Vine di Mavis Staples, ma il fatto che questa volta il tutto sia frutto di un abile mix di registrazioni fatte a distanza di 15 anni impone una riflessione: da una parte dimostra come 15 anni di soul-revival (da parte dei vecchi, più o meno tutti tornati in auge a turno) e new-soul (tante giovani leve che suonano esattamente come i vecchi) non hanno cambiato di una virgola la grammatica del genere, dall'altra esalta ancora una volta l'essenza di questa musica: basta una voce, una grande interpretazione, molta anima e, se possibile, anche qualche buona canzone (le dieci scelte in questo caso lo sono), e si può fare un ottimo soul-record.

E volendo anche senza bisogno di grandi geni che ci mettano del loro, perché di fatto anche in questo caso Tweedy si limita a seguire gli schemi e a dare un contorno senza stravolgere troppo gli arrangiamenti originali. Insomma, Dont' Lose This, così come ci arriva oggi, nel 1999 sarebbe stato un miracolo, nel 2015 suona come un disco un po' tardivo, già sentito. Ma chi se ne frega in fondo, perché Tweedy o no, è un'opera di soul, cantata da un vecchio un po' "sfiatato" di voce ma non di sentimenti, e da una vocalist che la voce invece non l'ha persa mai. E con cover intelligenti come la dylaniana Gotta Serve Somebody o il traditional Will The Circle Be Unbroken che chiudono alla grande il disco, ma anche tenui soul-ballads comeSweet Home e Friendship, e una sentita versione solo voce e chitarra di Nobody's Fault But Mine di Blind Willie Johnson. Probabilmente lo stesso Pops non si sarebbe mai immaginato che un giorno queste registrazioni sarebbero state addirittura "trendy", e forse le avremmo apprezzate anche senza la post-produzione di Tweedy, nonostante in alcuni casi l'aggiunta di una band pare davvero dare quel qualcosa in più (la baldanzosa The Lady's Letter).

Non è mai troppo tardi per un bel disco come questo, nonostante abbia già fallito l'appuntamento con la storia.

Nessun commento:

JEFF TWEEDY

Jeff Tweedy  Together at Last [dBpm 2017 ] wilcoworld.net   File Under:  I've Got My Own Album to Do di Nicola Gervasini  (18/07/...