venerdì 15 gennaio 2016

JOSH RITTER


 Josh Ritter 
Sermon On the Rocks
[
Pytheas Recordings/Thirty Tigers 
2015]
www.joshritter.com
 File Under: Master League

di Nicola Gervasini (09/11/2015)
Esistono buoni artisti, ed esistono grandi artisti. I primi sono tantissimi, sempre di più, e forse ormai raggiungere un livello base per produrre un disco "piacevole" o "ascoltabile" è qualcosa davvero alla portata di molti. I "grandi" artisti però ci sono davvero, e ci sono ancora. Sono quelli che alla normalità di una rock/folk/indie-song che sia, aggiungono quel qualcosa che è solo loro, sia questo un marchio di fabbrica inconfondibile, o il semplice peso della propria personalità. Sono gli unici ancora in grado di sorprenderci insomma. Josh Ritter, ad esempio, è da anni che non sbaglia un disco, ma è sempre rimasto un po' sul confine tra l'essere un bravo cantautore o l'essere un caposcuola. Sermon On The Rocks però arriva a dirci che è forse l'ora di promuoverlo a pieni voti alla serie A, non perché sia per forza questo il suo album migliore (la lotta per la palma è davvero feroce), ma se non altro per l'invidiabile continuità a livelli eccelsi, visto che all'alba dell'ottavo album in carriera la sua qualità è ancora in continua crescita, e non è davvero cosa da molti.

Quello che ce lo fa applaudire un po' di più è la larga visione d'insieme che Ritter ha maturato nel corso del tempo, che lo rende uno degli artisti più eclettici e capaci di miscelare diversi elementi, senza mai dare l'idea che stia solo girando alla disperata ricerca di uno stile. E così se Birds On The Meadow potrebbe far pensare ad una svolta modernista con il suo martellante ritmo pop, le chitarre hillbilly e l'incedere da fast-gospel di Young Moses, oltre a far capire da chi hanno imparato a confezionare grandi canzoni gente come Amos Lee e Jonathan Wilson, mettono in evidenza una naturalezza nel cogliere la melodia e il ritmo giusto da artista scafato. Non ci si annoia mai, né quando il suo timido folk degli esordi si ripresenta in unaHenrietta, Indiana che ha il sapore della sua produzione dei primi anni 2000, sia quando confeziona un saltellante quanto irresistibile singolo come Gettin Ready To Get Down, tour de force di parole profuse ad alta velocità tra chitarre caraibiche e batterie pulsanti. E non ha paura neanche di concedersi qualche arrangiamento un po' furbo come Seeing Me 'Round, giri melodici già sentiti in almeno 20 canzoni di Dylan e 1000 di seguaci come Where The Night Goes, ballatine pop-folk alla Lovin Spoonful come Cumberland, insomma tutto l'armamentario base del folksinger moderno.

Ma quando poi arrivano i cinque minuti e passa di Homecoming, emozionante crescendo di suoni, ritmi e melodie, capisci che la maturazione è giunta al massimo. Resta il tempo per un'altra intensa soul ballad (The Stone), il puro roots-rock di A Big Enough Sky, l'esperimento alla Wilco di Lightouse Fire e una My Man on The Horse che potrebbe tranquillamente chiudere un film western di epoca crepuscolare alla Sam Packinpah. Il bello di Ritter è che sembra sempre non fare mai nulla di speciale, eppure ogni volta esci da un suo disco con la voglia di riascoltarlo e di scoprire qualcosa di nuovo. E questa è caratteristica solo dei grandi.


Nessun commento:

DON BRYANT

Don Bryant  Don't Give Up On Love  [Fat Possum/ Goodfellas 2017]  File Under: Don't give up on Soul di Nicola Gervasini (29/0...