giovedì 28 gennaio 2010

THE UNTHANKS - Here's the Tender Coming


13/01/2010
Rootshighway



Non avrei mai immaginato che in questi anni 2000 (ormai più che inoltrati) saremmo stati ancora a disquisire di certo folk inglese come di una nuova elettrizzante novità. Eppure il genere sembra attraversare una nuova fase di creativa vitalità, e quel che sembra ancora più incredibile, riscuote pure interesse anche tra le giovani generazioni. Se voi foste dei produttori discografici, quanto scommettereste su un disco di un duo vocale femminile di stampo classico come le Unthanks, due sorelle che sulla carta potevano al massimo far venire qualche nostalgica mania di riesumazione dei vecchi dischi di Kate & Anna McGarrigle (il nome di Kate oggi sembra essere noto solo in quanto madre di cotanto Rufus Wainwright), o, scendendo ancor più nei meandri del genere, delle divine June Tabor e Maddy Prior? Domanda retorica, se non si era capito, eppure già il disco precedente (The Bairns, licenziato sotto il nome di Rachel Unthank & The Winterset) era riuscito a oltrepassare le barriere di genere e aveva riscosso parecchi consensi, e ancora meglio sta andando questo Here's The Tender Coming, che espande gli orizzonti stilistici del duo passando da un suono prettamente pianistico ad uno decisamente orchestrale. Ascoltando queste canzoni sembra quasi di fare un viaggio nel tempo, in un'era musicale in cui in Inghilterra le sperimentazioni del progressive incontravano la tradizione, per cui si potrebbero citare i Fairport Convention, ma si potrebbe anche andare oltre, perché qui le sorelle Rachel e Becky Unthank non hanno avuto paura di osare e esagerare, imbastendo 54 minuti di traditionals per due voci sorretti da archi, fiati e nuovi barocchismi alla Joanna Newsom, per un risultato finale che continua comunque ad essere estremamente ligio alle ferree regole del brit-folk. Siete avvertiti dunque, avvicinatevi a questo disco solo se siete già predisposti ad un certo suono, ad ascoltare gli otto minuti di Annachie Gordon facendovi prendere dalla melodia e dalla lunga romanza raccontata da questa storia popolare, senza fretta di trovare per forza spunti di genio o di novità. Tanto quelli arrivano comunque, nei coraggiosi e riusciti arrangiamenti di piccoli capolavori come Sad February e della autografa Lucky Gilchrist, brani tristi che nascondono tutto il senso nordico della morte come parte integrante della vita stessa. Il difetto del disco sta forse nell'eccessiva lunghezza, più che altro perché la seconda parte fatica a tenere la perfetta tensione creata nella prima, ma anche affrontare brani come At First She Starts di un nome storico del folk come Lal Waterson, avvolgendola in un manto di violini, rappresenta un doveroso laccio con il passato che le Unthanks non hanno nessuna intenzione di sciogliere. E sapere che anche questo contribuisce a questo strano nuovo concetto di "modernità" non può che farmi felice. (Nicola Gervasini)

Nessun commento:

DON BRYANT

Don Bryant  Don't Give Up On Love  [Fat Possum/ Goodfellas 2017]  File Under: Don't give up on Soul di Nicola Gervasini (29/0...