lunedì 16 giugno 2014

S.CAREY

S.CAREY
RANGE OF LIGHT
Jagjaguwar
**
Appurato che Justin Vernon ha voluto rimarcare come il nome Bon Iver non sia solo un su alter ego artistico, ma una vera e propria band, allora potremmo tranquillamente presentare S.Carey, al secolo Sean Carey, come il batterista dei Bon Iver.  Già titolare di un album nel 2008 (All We Grow) e di un fugace Ep nel 2012 (Hoyas),  Carey prova con questo Range Of Light a capitalizzare il buon responso del mondo indie raccolto dal suo esordio. Peccato però che dal 2008 ad oggi la scena è cambiata, lo stesso progetto Bon Iver ha fatto a tempo nel 2011 a produrre un secondo album che imponeva già un radicale cambio di rotta e di suono rispetto all’acclamatissimo For Emma, Forever Ago, ma lui pare non essersene troppo accorto. Range of Light infatti persevera nel cercare un indie-pop sommesso e d’atmosfera, quasi che il nostro non si sia reso conto che anche compagni di scuderia Jagjaguwas come gli Okkervil River hanno da qualche anno capito che gli anni dieci non sono già più gli anni zero, e che certi estremismi sonori e di non-ritmo prima o poi andavano superati. Invece Range Of Light s’impantana presto tra giri di piano lascivi, vocalizzi armoniosi e suoni vicini all’ambient music. Un peccato, perché il ragazzo sarà pur sempre un emulo del suo principale datore di lavoro, ma ha comunque qualche buon argomento da esprimere. Ci si può farsi avvolgere dalle trame di Glass/Film o Crown The Pines, ma il problema è che, per quanto poi i tempi non siano lunghissimi (36 minuti), l’album non prevede cambi di rotta dopo il promettente inizio. Anzi, con Radiant, la pur intrigante Alpenglow  e la più difficoltosa Fleeting Light si rallenta (se è possibile) ancor più, cercando un mood da dark-band anni ottanta (diciamo alla Dead Can Dance) senza però averne né il fascino, né le grandi intuizione sonore. Il disco si riprende con il bel giro acustica-steel guitar di The Dome, ma Neverending Fountain manca l’occasione del gran finale.  Il più grande difetto di Range Of Light non è quindi tanto nella sostanza, quanto in una forma che appare falsamente moderna, ma è forse quanto di più reazionario si possa fare in pieno 2014.

Nicola Gervasini 

Nessun commento:

J SINTONI

J. Sintoni  Relief [Good Luck Factory / IRD 2017]   jsintoni.com   File Under:  Swamp Blues with Grappa di Nicola Gervasini (25/08/2017...