martedì 16 settembre 2008

THE BYRDS - Live at Royal Albert Hall 1971


25/7/2008

Rootshighway


VOTO: 9




Non è che voglio fare il rompiballe a tutti i costi anche in occasione dell'uscita di un disco come questo Live at Royal Albert Hall 1971 dei Byrds, il quale rappresenta per tutti una vera manna dal cielo, ma prima di fare i complimenti del caso, lasciatemi sollevare qualche dubbio su quanto dichiarato da Roger McGuinn per l'occasione. A sentire la sua storia, raccontata nel suo blog personale dalla moglie Camilla, un bel giorno il prode Roger è sceso in garage e ha deciso di sistemare un angolino di roba accatasta da tempo, e voilà, eccoti che da scatoloni sopravvissuti a tanti traslochi salta fuori magicamente una cassettina con registrato un live che il mondo attende da quasi quarant'anni. La cassetta era in perfetto stato, pare grazie al garage climatizzato e al fatto che il nastro fosse riposto in box apposito, un po' troppi buoni accorgimenti per il mantenimento di cianfrusaglie che si vuole far credere essere rimaste inesplorate dal 1971 (il che mi assolve per il fatto di non avere idea di ciò che contengono alcune scatole relegate in cantina dall'ultimo trasloco del 2005…). Fatto ancor più sospetto è che stiamo parlando di un artista che ha pubblicato un solo disco di nuove canzoni negli ultimi trent'anni (e pure non memorabile), e che da tempo vive grazie agli introiti dei suoi tempi di gloria (e non certo per gli album di traditionals fatti in casa e venduti solo on-line). Ma bando alle mie inutili ironie: parliamo invece di queste benedette registrazioni, importantissime, senza dubbio, perché nella discografia dei Byrds mancava un live ufficiale, vuoi perché i tempi d'oro della band si sono consumati in un epoca in cui di dischi dal vivo se ne pubblicavano pochi (e quelli che ci provavano si dovevano scontrare con qualità sonore spesso riprovevoli), vuoi perché, al momento buono di farlo, i signori del marketing di casa Columbia decisero di appiccicare un disco live al nuovo lp in studio del 1970, quell'Untitled chè rappresenta il miglior titolo dei Byrds targati McGuinn. Ed effettivamente la scaletta di questo concerto comprende anche quanto già presente in altre versioni nel primo vinile di quell'album (manca solo Positively 4th Street), vale a dire la chilometrica e acida release di Eight Miles High, qui tirata fino a diciotto minuti, la Lover Of The Bayou tanto cara a Roger (e anche a Tom Petty, da quanto abbiamo appreso recentemente), lo strumentale Nashville West, momento di gloria concesso al chitarrista Clarence White, e i successi più rodati come Mr. Spaceman, So You Want To Be Rock'n Roll Star e Mr. Tambourine Man. Il cd riporta fedelmente il concerto del 13 maggio 1971, uno degli ultimi a supporto di Untitled, un disco che fu commercialmente un disastro, mentre un mese dopo sarebbe uscito il sovra-prodotto Byrdmaniax, (di cui qui si anticipava la non esaltante I Trust e la cover di Jamaica Say You Will di Jackson Browne), probabilmente il disco meno amato della band, a causa di un suono edulcorato e la ricerca di brani di facile impatto melodico, maldestro tentativo di cavalcare l'onda del country-rock più radiofonico dei primi anni '70. Ma dal vivo la band era ancora un vero spettacolo, con un McGuinn deciso a dimostrare di non essere da meno dei tanti illustri comprimari licenziati nel corso degli anni (Gene Clark, David Crosby, Gram Parsons, Chris Hillman…), e i numeri dello spettacolare chitarrista Clarence White, un nome che da solo non bastava a riempire un teatro, ma che dopo essere entrato in azione rendeva poi difficile svuotarlo. Completavano la formazione il batterista Gene Parsons e il bassista Skip Battin, più o meno la stessa formazione dell'unico altro live postumo ufficiale disponibile della band (Live At The Fillmore West, February 1969, con John York al posto di Battin, pubblicato dalla Columbia nel 2000), ma con molto più affiatamento tra i membri e più convinzione nei propri mezzi. E questo cd dimostra quanto i Byrds abbiano insegnato a tutti a suonare il rock americano come lo intendiamo oggi, non solo inventadoselo il giorno che ai ragazzi balenò in testa di elettrificare la musica folk, ma continuando anche nei primi anni settanta ad offrire la migliore interpretazione "rock" di quella country-music che le radio nazionali avevano sdoganato anche per il grande pubblico. Qui dunque abbiamo una country-rock-band stellare e al massimo delle proprie possibilità, pronta a dimostrare sul palco quanto non riusciva a catturare al meglio in studio, con versioni di brani come Chestnut Mare, Take a Whiff On Me o la mitizzata Truck Stop Girl dei Little Feat che brillano, nonostante la qualità della registrazione non sia sempre perfetta (ogni tanto la chitarra di White si perde un po' nei meandri del soundboard, ma in generale il livello è comunque discreto, frutto del know-how tecnico di Bob Irwin della Sundazed). Non stiamo a raccontarvi tutta la scaletta (ben 19 brani), che riesce comunque a rappresentare bene tutte le varie edizioni della band (manca giusto una rappresentanza da The Notorious Byrd Brother), ma almeno vanno notati il bel finale con una Roll Over Beethoven di Chuck Berry restituita al mondo hillbilly e la versione a cappella di Amazing Grace che chiudeva il set, tutte rarità già note ai collezionisti comunque. A meno che le prossime pulizie di primavera in casa di David Crosby non facciano scoprire mirabolanti nastri antecedenti il 1969, questo Live at Royal Albert Hall 1971 vanta di diritto il titolo di live ufficiale della band, e dice una parola definitiva tra i tanti bootleg esistenti del periodo 69-71 dei Byrds, anni in cui la perdita del genio degli esordi veniva compensata da concerti perfetti e molto favoleggiati nel tempo. E che ora possiamo tutti finalmente appurare come essere realmente esistiti.(Nicola Gervasini)

Nessun commento:

NICOLA GERVASINI NUOVO LIBRO...MUSICAL 80 UN NOIR A SUON DI MUSICA E FILM DEGLI ANNI 80 SCOPRI TUTTO SU  https://ngervasini.wixsite.com...